Ue. Mogherini risponde al Telegraph, su porcellane fatti risparmi notevoli

Pubblicato il 20 luglio 2015 8:57 | Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2015 8:57
Federica Mogherini

Federica Mogherini

ROMA – “Nessun servizio piatti e cristalli Ue da 3 mln. È il tetto massimo di spesa per 4 anni su 140 delegazioni. Ed è un risparmio rispetto al passato”.

Con questo tweet, Federica Mogherini risponde all’articolo pubblicato dal quotidiano britannico euroscettico, The Daily Telegraph, che in un pezzo ha denunciato il costo eccessivo dei servizi da tavola usati dal Servizio Europeo per l’Azione Esterna (Seae), guidato dall’Alto rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza, nel quartier generale di Bruxelles e nelle 140 rappresentanze dell’Ue all’estero.

Preziosi ceramiche e cristalli che, a detta del giornale, costeranno quasi 3 milioni di euro e cioè “dieci volte” quanto ha speso recentemente la Casa Bianca per rinnovare i suoi servizi di piatti. Il Telegraph, nell’articolo, sembra anche preoccupato del ridimensionamento della politica estera del Regno Unito.

L’importanza del Seae, scrive il giornale, sta crescendo sempre più e anche a Washington apprezzano il suo operato. L’accusa, però, riguarda il costo del servizio di porcellane e bicchieri.

Ed è in risposta a questa ricostruzione che Mogherini, nel tweet, rimanda al comunicato diffuso dal servizio stampa della Commissione. In esso giudica “fuorviante” il pezzo del Telegraph: il Servizio europeo per l’Azione Esterna ha lanciato “una sola offerta per coprire un periodo di 4 anni, al fine di massimizzare il risparmio e l’acquisto di tutti gli elementi che potrebbero essere necessari, senza dover lanciare un’offerta singola ogni volta”.

Il tetto di 3 milioni è un livello massimo di spesa per il periodo coperto dal contratto; ciò che viene speso in realtà sarà semplicemente ciò che è necessario e il Seae farà in modo che la spesa sia ridotta al minimo possibile”.