Variante coronavirus scoperta in Gran Bretagna: mille infetti. Oms: “Non ci sono prove che si comporti diversamente”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Dicembre 2020 19:13 | Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre 2020 19:37
Variante inglese, cioè 2021 non basta per farla finita: Borse capiscono, scuola 7 gennaio addio

Variante coronavirus, 100 infetti in Gran Bretagna (Ansa)

Variante coronavirus in Gran Bretagna: secondo l’Oms non ci sono prove che si comporti in maniera diversa, quanto a trasmissibilità e carica virale.

Ma gli scienziati britannici sono preoccupati. Hanno contato mille infetti colpiti dalla nuova variante. Una mutazione autoctona, originaria del Sud est dell’isola.

Variante coronavirus in Gran Bretagna: mille infetti

Il Daily Mirror riferisce che le ricerche hanno stabilito che non è stata importata dall’estero. La diffusione si è estesa al Galles e alla Scozia.

Oms: “Non ci sono prove che si comporti in modo diverso”

Al momento “non ci sono prove” che la variante del coronavirus scoperta in Gran Bretagna “si comporti in modo diverso”.

Lo ha detto la dottoressa Maria Van Kerkhove dell’Oms nel consueto briefing sul Covid-19. La nuova variante, ha spiegato, “viene già monitorata dal Virus Evolution Working Group nel contesto delle varie mutazioni del virus scoperte nei visoni in diverse parti del mondo”.

E, tuttavia, sono gli stessi scienziati britannici a lanciare l’allarme. Anche perché la curva dei contagi è tornata a crescere nell’ultima settimana – specialmente in Inghilterra sudorientale.

“Sembra diffondersi più rapidamente delle altre forme”

VUI – 202012/01, la variante in questione, sembra diffondersi più velocemente delle altre forme di coronavirus. E si manifesta nelle aree dove il tasso di crescita dei contagi sta salendo con più rapidità.

Elementi che hanno spinto ieri il governo di Boris Johnson a decretare da domani un nuovo semi lockdown a Londra e dintorni, con l’allargamento della zona rossa a più di metà della popolazione nazionale.

Ma che secondo diversi medici e specialisti dovrebbe indurlo ora anche a revocare come “un errore” l’allentamento delle restrizioni sui contatti familiari promesso in Inghilterra e in tutto il Regno per 5 giorni durante le feste natalizie, fra il 23 e il 27 dicembre. (fonte Daily Mirror)