18 maggio, vero inizio della Fase 2: tutti i divieti e tutto quello che si può fare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Maggio 2020 - 20:10 OLTRE 6 MESI FA
Lunedì 18 maggio 2020, vero inizio della Fase 2: tutti i divieti e tutto quello che si può fare

18 maggio, vero inizio della Fase 2: tutti i divieti e tutto quello che si può fare

ROMA – Lunedì 18 maggio è il vero “giorno zero” della Fase 2 del Coronavirus in Italia.

Il Presidente del Consiglio Conte e il ministro della Salute Speranza hanno firmato il Dpcm con le regole per la vita degli italiani.

Dpcm 17 maggio ufficiale: scarica qui il testo integrale in Pdf

Dpcm 17 maggio – allegati SCARICA PDF

Ecco le misure principali in vigore dal 18 maggio, punto per punto:

– obbligo di mascherina nei luoghi chiusi eccetto gli under 6. Vanno bene anche le mascherine autoprodotte, purchè multistrato;

– i soggetti con febbre superiore ai 37,5 gradi devono restare a casa;

– distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

– dal 15 giugno possibili i centri estivi per i bambini anche nei luoghi chiusi, rispettando i protocolli (ad esempio un adulto ogni 5 bambini sotto i 5 anni di età);

– è consentita l’attività motoria ma con almeno due metri di distanza;

– gli eventi sportivi sono ancora sospesi, gli allenamenti consentiti ma a porte chiuse;

– dal 25 maggio riaprono palestre, piscine, circoli sportivi;

– restano chiusi gli impianti nei comprensori sciistici;

– lo svolgimento di manifestazioni pubbliche è consentito solo con forma statica e con distanziamento;

– restano chiuse sale giochi, scommesse, bingo;

– dal 15 giugno riaprono cinema, teatri, sale da concerto. Obbligo distanza interpersonale di un metro. All’aperto massimo mille spettatori, al chiuso 200

– Restano chiuse le discoteche, all’aperto e al chiuso, le fiere e i congressi;

– l’accesso nei luoghi di culto e le funzioni religiose avvengono secondo i protocolli stipulati con le confessioni religiose e allegati al Dpcm;

– riaprono musei, biblioteche con contingentamento e rispetto del protocollo stipulato con le regioni e allegato al Dpcm;

– resta sospesa la frequenza nelle scuole e nell’università, eccetto i corsi di formazione in medicina generale;

– sono sospese le attività di centri culturali, sociali e centri benessere;

– gli accompagnatori non possono permanere nei pronto soccorso;

– le visite nelle Rsa e hospice sono limitate;

– ripartono attività commerciali al dettaglio, bar, ristoranti, pub, gelaterie, pasticcerie, barbieri, parrucchieri, nel rispetto del protocollo con le regioni allegato al Dpcm;

– restano aperti i servizi bancari, finanziari, assicurativi e la filiera agroalimentare;

– le attività degli stabilimenti balneari e delle strutture ricettive sono esercitate secondo il protocollo con le regioni, allegato al Dpcm. (Fonte Agi)