Cava de’ Tirreni, bucava le gomme per vendetta: danneggiata anche l’auto del sindaco

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 aprile 2018 18:02 | Ultimo aggiornamento: 29 aprile 2018 18:02
Cava de' Tirreni provincia di Salerno

Una veduta di Cava de’Tirreni

CAVA DE’ TIRRENI – Chiedeva piccole cifre di denaro a cittadini comuni, imprenditori, familiari, commercianti ma anche amministratori pubblici e riceveva sempre dei no. Per vendetta bucava gli pneumatici delle auto. Tra le  auto danneggiate sono finite anche quella del sindaco di Cava de’ Tirreni in provincia di Salerno, Vincenzo Servalli e del vicesindaco Nunzio Senatore.

Ora Biagio Mosca, 50enne cavese, è finito sotto processo. Come racconta Il Mattino, Mosca

“è accusato di tentata estorsione e danneggiamenti, con la procura di Nocera Inferiore a chiedere il rito immediato. L’inchiesta nei suoi confronti partì lo scorso dicembre, dopo la foratura delle gomme delle auto di Servalli e Senatore. Ad accorgersene furono persone che risiedevano nello stesso condominio dei due esponenti politici. Le accuse della procura racchiudono diversi episodi analoghi, avvenuti in precedenza e lungo diverse strade di Cava de’ Tirreni, spesso all’interno dei parcheggi dei supermercati. Fondamentale per l’indagine condotta dal sostituto procuratore Gaetana Amoruso l’analisi di diverse immagini provenienti da telecamere di videosorveglianza pubbliche e private, insieme al ritrovamento di un punteruolo di notevoli dimensioni utilizzato per bucare gli pneumatici”.