A casa due stupratori, violentarono in branco: niente carcere

Pubblicato il 14 Marzo 2012 16:12 | Ultimo aggiornamento: 14 Marzo 2012 17:27

SORA (FROSINONE) – Niente carcere per due ventenni del frusinate arrestati lo scorso 6 agosto per violenza sessuale di gruppo nei confronti di una minorenne. Ha cosi'trovato applicazione una recente sentenza della Cassazione, secondo la quale sono possibili misure alternative al carcere in caso di stupro di gruppo. La decisione e' stata adottata dal Tribunale del riesame di Cassino (Frosinone), dopo aver preso atto della sentenza della Cassazione.

La ragazzina, all'uscita da un pub nella notte tra il 23 e il 24 giugno 2011 tra Sora e Isola Liri (Frosinone), venne avvicinata dai due giovani, di 24 e 21 anni, che la fecero salire nella loro auto per accompagnarla a casa. La giovane era con la sorella maggiorenne, che prosegui' a piedi.

La violenza, secondo le indagini, si sarebbe consumata in una stradina nelle campagne di Sora. I due giovani, pero', hanno sempre respinto ogni addebito, sostenendo che la giovane fosse consenziente. Il Tribunale del riesame di Cassino aveva confermato il carcere per i due, ma la difesa aveva proposto ricorso in Cassazione.

I supremi giudici avevano annullato la decisione del riesame stabilendo, con interprestazione estensiva di una sentenza della Corte Costituzionale, che per la violenza sessuale di gruppo non e' obbligatorio optare per il carcere ma possono essere concesse anche misure cautelari meno afflittive. Riesaminato, dunque, il caso, il tribunale del Riesame ha concesso i domiciliari ai due giovani accusati dello stupro.

''Sono soddisfatto – dice l'avv. Lucio Marziale, che con il collega Nicola Ottaviani difende uno dei due giovani (l'altro e' assistito dagli avvocati Di Mascio e Di Passa) – perche' la sentenza della Cassazione ha restituito al giudice la liberta' di decidere. Il giudice e' l'unico che deve poter valutare la situazione''. Il processo a due giovani accusati di aver violentato la ragazzina di Sora e' fissato per venerdi' davanti al Gup di Cassino.