A Ventimiglia ormai crescono le banane e ci fanno anche un gusto di gelato

Pubblicato il 16 Ottobre 2009 20:15 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2009 21:09

A Ventimiglia è stato lanciato il  gelato alla “banana locale” dopo che sono maturati alcuni caschi di banane.

Il primo casco di banane è maturato a settembre e già si pensava ad una cosa del tutto eccezionale nella cittadina cittadina della provincia di Imperia al confine con la Francia. Ma nei giorni scorsi ci si è accorti che su uno dei cinque gruppi di piante che stanno in località Bandette a San Secondo, vi erano altri numerosi frutti pronti per essere cotti e mangiati.

Queste banane oltre ad essere un esempio di come il clima stia cambiando, sono già diventate un vero caso cittadino di cui si parla ovunque e il bar “Remember” di via Cavour ha deciso così di preparare un delizioso gelato alla banana locale. Ad avere avuto l’idea è stato Lillo Di Franco, gelataio fin da quando era bambino e girava col carretto.

Per i banani invece, bisogna ringraziare l’allevatore Giuseppe Medoro e un suo amico francese, che diversi anni fa gli ha regalato alcune piantine. L’allevamento si trova a casa di Medoro: gli alberi hanno le foglie di un bel verde acceso con caschi pieni zeppi di frutti. Le banane nostrane non hanno la forma a mezzaluna della classica “Chiquita” ma sono più corte e gonfie: una volta liberate dalla buccia però hanno davvero un gusto gradevole e nulla da invidiare alle classiche banane che provengono dai Paesi tropicali dell’America o dell’Africa.

Spiega Medoro, l’anziano coltivatore: «In effetti è la prima volta che abbiamo una produzione così. Quando dico che nel mio giardino ho le banane mature, la gente non ci crede. Poi viene a controllare e rimane a bocca aperta».