A14, minaccia di buttarsi dal viadotto: chiuso e riaperto tratto tra Pescara Ovest e Atri Pineto

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Agosto 2020 13:57 | Ultimo aggiornamento: 1 Agosto 2020 13:57
A14, minaccia di buttarsi dal viadotto: chiuso e riaperto tratto tra Pescara Ovest e Atri Pineto

A14, minaccia di buttarsi dal viadotto: chiuso e riaperto tratto tra Pescara Ovest e Atri Pineto (Nella foto Ansa il viadotto Cerrano)

Uomo minaccia il suicidio su un viadotto dell’A14. Chiuso e riaperto il tratto autostradale in Abruzzo. Code chilometriche.

Chiuso e poi riaperto il tratto abruzzese dell’autostrada A14, compreso tra i caselli di Pescara Ovest e Atri Pineto. E’ accaduto nella mattinata di sabato 1 agosto a causa di un tentato suicidio.

Una persona minacciava di lanciarsi dal viadotto Cerrano, alto circa 90 metri. Sono accorsi sul posto 118, personale di autostrade e polizia autostradale.

A14, code di 7 km per l’uscita obbligatoria

A causa della chiusura si sono formate code di diversi chilometri. Per chi viaggia verso Ancona, Aspi consigliava, dopo l’uscita a Pescara Ovest, di percorrere la strada statale 16 verso Atri Pineto, da dove era possibile rientrare in autostrada.

Le code all’altezza di Pescara Ovest, precedente uscita obbligatoria, hanno superato i dieci chilometri. Gravi le ripercussioni alla viabilità ordinaria della zona.

A14, salvo l’aspirante suicida. Riaperta autostrada

È stata infine tratta in salvo la persona che dalle 9 di sabato mattina minacciava di lanciarsi nel vuoto, dal viadotto Cerrano, alto 90 metri.

Si tratta di un giovane del Pescarese con problemi di natura psichiatrica. Ad occuparsi della trattativa sono stati prima gli agenti della Polizia stradale della Sottosezione autostradale di Pescara Nord e poi il personale sanitario specializzato.

In corso le operazioni per la riapertura della tratta autostradale tra Pescara Ovest e Atri Pineto, dove le code, complessivamente, hanno raggiunto i dieci chilometri.

Paralizzata, nella zona, anche la viabilità ordinaria. Sul posto hanno operato il 118, con due ambulanze, tra cui quella della Croce Rossa Italiana di Pescara, i vigili del fuoco, la polizia autostradale e il personale di Autostrade. 

I pompieri hanno montato anche un gonfiabile sotto il ponte per evitare la tragedia. (Fonti: Ansa, Agi).