Abdelhamid Salmane, detenuto in fuga fermato: nasconde le braccia con le manette alla polizia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 aprile 2018 11:15 | Ultimo aggiornamento: 27 aprile 2018 11:15
Abdelhamid Salmane, catturato detenuto marocchino evaso a Sanremo

Abdelhamid Salmane, detenuto in fuga fermato: nasconde le braccia con le manette alla polizia

ROMA – Ha nascosto le braccia, con le manette ancora ai polsi, quando ha visto gli agenti di polizia. Questo il gesto di Abdelhamid Salmane, il detenuto marocchino in fuga, che ha insospettito le forze dell’ordine e ha portato alla sua cattura nel giro di pochi minuti dopo essere stato individuato durante un posto di blocco a Sanremo.

Il giovane detenuto marocchino di 25 anni era in carcere per tentato omicidio ed era evaso la mattina del 26 aprile dall’ospedale Borea di Sanremo, dove si doveva sottoporre ad una radiografia per una sospetta tubercolosi. Proprio in ospedale Salmane ha colpito uno degli agenti ed è scappato, con le manette ancora ai polsi, dal pronto soccorso.
Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Subito sono scattate le ricerche  in tutta la città di Sanremo, con carabinieri e polizia mobilitati per la caccia all’uomo. Il detenuto in fuga però si è tradito durante il passaggio ad un posto di blocco della polizia stradale all’altezza di rondò Garibaldi, quando dopo aver visto gli agenti ha nascosto le mani sotto la felpa. Un gesto probabilmente automatico, per poter nascondere le manette, ma che ha insospettito gli agenti che lo hanno inseguito e arrestato. Il detenuto è stato condannato al carcere e sarebbe dovuto rimanervi fino al 2030, ma dopo la fuga la condanna potrà essere prolungata.