Acca Larenzia, giornaliste minacciate da militante di destra VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Gennaio 2020 13:14 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2020 13:14
Acca Larenzia, giornaliste minacciate da militante di destra VIDEO

L’aggressione alle due giornaliste alla commemorazione della strage di Acca Larenzia

ROMA  –   Due giornaliste videomaker di LaPresse e di Alanews sono state intimidite durante la commemorazione della strage di Acca Larenzia a Roma. “Non so che devo fa’, non le potete fa’ queste riprese. Adesso te la spacco, guarda che te la spacco”, ha detto un militante di estrema destra alle croniste, colpendo anche la telecamera. 

Il gesto è stato stigmatizzato dalla Fnsi, la Federazione nazionale della stampa italiana. “È inaccettabile che, puntuali come la ricorrenza, alla commemorazione della strage di Acca Larentia arrivino le minacce ai cronisti impegnati a seguire la manifestazione. Chi tenta di impedire a un giornalista di svolgere il proprio lavoro attenta al diritto dei cittadini ad essere informati”, hanno detto in una nota Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi.

Nei video pubblicati sui siti web delle due agenzie si vede l’uomo che si avvicina e dice: “Non le potete fare queste riprese. Adesso te la spacco, guarda che te la spacco”. In un secondo momento il manifestante colpisce la telecamera, viene poi allontanato dai presenti e alla fine del girato si vedono gli uomini delle forze dell’ordine intervenire.

“Lo scorso anno, al Verano, furono aggrediti e minacciati due cronisti dell’Espresso. Ieri è toccato alle due videomaker. Ed è solo l’ultimo caso di intolleranza nei confronti di giornalisti ‘colpevoli’ di svolgere il loro lavoro. Una situazione non più tollerabile. Il sindacato – concludono Lorusso e Giulietti – porterà questa ennesima intimidazione all’attenzione del Coordinamento per la sicurezza dei giornalisti convocato dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese per venerdì 10 gennaio”. (Fonti: Ansa, AlaNews)