Acerra, ladro sorpreso in casa e picchiato: rissa tra famiglie a colpi di ascia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Giugno 2015 14:02 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2015 14:02
Acerra, ladro sorpreso in casa e picchiato: rissa tra famiglie a colpi di ascia

Acerra, ladro sorpreso in casa e picchiato: rissa tra famiglie a colpi di ascia

NAPOLI – Un ladro viene sorpreso a rubare e picchiato dalle vittime del furto. Arriva poi in aiuto del ladro la sua famiglia, che inizia a difenderlo dall’attacco dai derubati. E ancora in aiuto dei derubati, altri patenti. Ne è nata una rissa a colpi di ascia, con tanto di ladro che si è lanciato contro i 30 poliziotti intervenuti per sedare la mega rissa scoppiata.

Enrico Ferrigno scrive sul Mattino che ci sono volute ore e decine di poliziotti per sedare la rissa:

“È accaduto ieri notte ad Acerra dove sono in finiti in manette dopo anche alcuni colpi di pistola sparati in aria dagli agenti ben 8 persone tra cui un quindicenne che si sono selvaggiamente picchiati a più riprese per un ‘ora circa.

Il presunto ladro Giuseppe Amoruso insieme al fratello Michele ed al cugino Angelo, gli inseguitori Angelo Maugieri, sua moglie Rosa Palladino ed il cugino Raffaele Cerbone , il figlio quindicenne della coppia e Vincenzo Maugieri, sono stati arrestati alla fine della cruenta e selvaggia rissa dagli agenti del commissariato guidati dal vicequestore Antonio Cristiano e dal commissario Alessandro Gallo”.