Acqua libera, arrivano contatori anche ad abbeveratoi e trogoli in Val d’Aveto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 novembre 2017 16:45 | Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2017 16:45
acqua-libera

Acqua libera, arrivano contatori anche ad abbeveratoi e trogoli in Val d’Aveto

GENOVA – Addio acqua pubblica in Val d’Aveto, nell’area metropolitana di Genova. La società Iren infatti ha aggiunto i contatori anche ai trogoli, i grandi lavandini pubblici che fungevano da abbeveratoi e lavatoi pubblici in città. L’acqua che arriva direttamente dalle fonti, e che è considerata pubblica, sarà soggetta a nuove regole di pagamento.

Italo Vallebella sul Secolo XIX scrive che l’acqua pubblica, nel senso di gratuita, è destinata a scomparire. La Iren è pronta a mettere i contatori anche alle vecchie fonti e questo comporterà costi maggiori per i residenti, ma anche per le attività agricole e di allevamento nella valle:

“I contatori per trogoli e lavatoi stanno per arrivare anche qui (sinora i Comuni pagavano a forfait), e anzi in alcune aree sono già arrivati. E l’acqua che una volta era considerata pubblica, nel senso di libera, diventerà a pagamento a consumo e non più a tariffazione forfettaria. Chi pagherà? I rispettivi Comuni che, per difendersi da eventuali bollette “pazze”, avranno a disposizione tre opzioni: sostituire i rubinetti con sistemi a pulsante (in modo che non possano esserci sprechi di acqua), confidare nel buon senso delle persone oppure chiudere trogoli e fontanelle, perdendo un altro pezzo di cultura rurale. Ma al di là dell’aspetto romantico, la preoccupazione in val d’Aveto è alta, soprattutto in chi ha attività agricole o di allevamento. Tra alcuni mesi (i tempi non sono ancora chiari, ma è solo questione di tempo) anche nelle varie frazioni l’acqua sarà pagata in base ai consumi e non più in virtù di un forfait.

Precisazione doverosa: Iren è autorizzata dalla legge a mettere i contatori anche ai trogoli. C’è solo una via per evitare il contatore: essere allacciati ad un acquedotto consortile, come accade per esempio a Sopralacroce, nel Comune di Borzonasca. In tutti gli altri casi Iren è autorizzata a intervenire anche dove ci sono acquedotti che un tempo erano privati, ma che sono passati in seguito alla gestione comunale. E allacciati a questi acquedotti ci sono anche fontane, lavatoi e trogoli, simboli di un tempo che rischia di essere sempre più lontano e di una cultura che, complici le varie difficoltà, ha sempre meno custodi”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other