Cronaca Italia

Acquaviva (Bari), pedinavano anziani agli uffici postali, li picchiavano e derubavano: 3 arresti

Acquaviva-Bari-uffici-postali

Acquaviva (Bari), pedinavano anziani agli uffici postali, li picchiavano e derubavano: 3 arresti

ACQUAVIVA (BARI) – Pedinavano le vittime agli uffici postali, poi li seguivano verso casa e qui li picchiavano e rapinavano: arrestati tre uomini di 47, 44 e 42 anni, tutti pugliesi, due di Ceglie del Campo e il terzo di Sannicandro (Bari). 

Come spiega Nicola Pepe sulla Gazzetta del Mezzogiorno, la tecnica era sempre la stessa: i due facevano un sopralluogo negli uffici postali, selezionavano la vittima da colpire, per lo più un anziano, e poi agivano.

Le immagini di una videocamera di sorveglianza hanno documentato il modus operandi dei rapinatori, entrambi pregiudicati, che sono stati arrestati con l’accusa di rapina e ricettazione.

Le indagini, racconta la Gazzetta del Mezzogiorno, sono iniziate nel luglio del 2017, dopo che un uomo di 74 anni era stato aggredito alle spalle da uno sconosciuto che gli aveva portato via 1.800 euro prelevati da un ufficio postale, scaraventandolo per terra e procurandogli la frattura del femore.

Scrive il quotidiano:

Al terzetto i militari sono risaliti attraverso una serie di elementi, tra cui il fermo per controllo di una utilitaria alla periferia di Acquaviva con bordo due dei tre arrestati. Dal successivo confronto con le immagini delle telecamere di videosorveglianza dell’ufficio postale e di alcuni esercizi commerciali, i militari sono riusciti a collocare nello stesso posto i tre pregiudicati. A chiudere il cerchio la verifica dei tabulati telefonici che hanno inequivocabilmente confermato la presenza nella zona.

Proprio dai contatti telefonici tra i tre i carabinieri sono riusciti a ricostruire la dinamica della rapina. Prosegue la Gazzetta del Mezzogiorno: 

I Carabinieri hanno ricostruito altri due colpi, accertandole la responsabilità di altri due colpi: la rapina avvenuta un anno fa, il 1 agosto, a un 85enne di Acquaviva delle Fonti, anche lui aggredito e derubato dopo un pedinamento dall’ufficio postale (bottino 1.350 euro); e lo scippo avvenuto una ventina di giorni dopo, a una donna anziana alla quale erano stati portati via alcune centinaia di euro. Anche in questo caso, le telecamere hanno ripreso l’uomo e lo scooter, poi ritrovato nei pressi di casa su, il 4 luglio scorso dopo la rapina al 74enne.

To Top