Afghanistan/ E’ atterrata nell’aeroporto di Ciampino la salma del parà Alessandro Di Lisio

Pubblicato il 16 Luglio 2009 9:23 | Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2009 9:23

Il C130 dell’Aeronautica militare che ha riportato in Italia la salma del caporalmaggiore Alessandro Di Lisio, il parà ucciso due giorni fa in Afghanistan, è atterrato alle 8.54 di questa mattina, 16 luglio, all’aeroporto militare di Ciampino, Roma.

All’arrivo i familiari del militare: la mamma Addolorata, il papà Nunzio, le sorelle Maria e Valentina e la fidanzata Mariangela. Presenti le autorità politiche e militari: il presidente della Camera Gianfranco Fini, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, il ministro della Difesa Ignazio La Russa, il capo di stato maggiore della Difesa l’ammiraglio Vincenzo Camporini, il capo di stato maggiore dell’Esercito il generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti e l’ordinario militare monsignor Vincenzo Pelvi.