Aggressione razzista a Roma. Rifugiato dal Congo picchiato in strada: “Sporco negro, tornate a casa vostra”

Pubblicato il 4 Luglio 2009 20:27 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2009 20:27

Aggressione a sfondo razzista a Roma nel quartiere Monteverde: un giovane congolose è stato aggredito e picchiato con calci, pugni e anche con una bottigliata in testa e è finito all’ospedale. Mentre lo picchiavano gli gridavano: “sporco negro, dovete tornare a casa vostra”.

L’episodio è avvenuto giovedì, ma è stato reso noto solo sabato. L’uomo, di colore, era intento a fare del volantinaggio pubblicitario porta a porta. Era il primo pomeriggio. Da unpalazzo si è affacciato un uomo che prima lo ha insultato da distante, poi è sceso in strada con fare minaccioso, seguito da altri due uomini che lo hanno aggredito, colpendolo anche alla testa con una bottiglia.

Il congolese è riuscito ad allontanarsi e a rifugiarsi  nel portone di un palazzo vicino, mentre qualcuno ha chiamato la polizia. All’arrivo delle volanti gli aggressori, in età compresa tra i 35 e i 50 anni, erano già fuggiti. Finora nessuno di loro è stato identificato.

La vittima dell’aggressione, di cui non è stato reso noto il nome, mentre il Tg 3 ha trasmesso l’immagine con intervista, ha detto di essere stato anche derubato dei soldi che aveva in tasca e del passaporto. Fuggito dal Congo, vive in Italia dal 2004 come rifugiato politico, è sposato e padre di una bambina.