Agguato a Roma, fermato a Bologna presunto killer

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Ottobre 2015 12:11 | Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2015 12:11
Agguato a Roma, fermato a Bologna presunto killer

Agguato a Roma, fermato a Bologna presunto killer

ROMA – E’ stato fermato a Bologna uno dei presunti responsabili della sparatoria di quattro giorni fa nel quartiere romano di Ponte di Nona. Durante l’agguato vennero uccisi Mirko Scarrozza, 35 anni, e Fabio Ventre, 26,. Entrambi avevano precedenti e gravitavano nel mondo dello spaccio di droga.

Subito dopo il duplice omicidio l’uomo arrestato ha lasciato Roma per rifugiarsi a Bologna in casa di alcuni conoscenti.

Una storia di spaccio, molto probabilmente, dietro la sparatoria avvenuta lunedì sera nel quartiere periferico romano. I due erano stati feriti alla testa e al fianco e sono morti poco dopo in ospedale. L’assassino, dopo l’omicidio, ha anche pensato di ripulire la scena visto che non è stata ritrovata l’arma.

Il Messaggero fornisce qualche dettaglio in più:

Il 35enne è stato ferito a un fianco ed è morto durante il trasporto in ospedale mentre il 26enne, ferito alla testa, è morto durante l’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto all’ospedale di Tor Vergata. I due sono stati trovati gravemente feriti all’incrocio tra via Raoul Follereau e via Berta Von Suttner. La segnalazione è arrivata alla centrale operativa dei carabinieri dal 118. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione Settecamini. Il 35enne era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Entrambi erano in contatto con ambienti dello spaccio di droga e avevano precedenti specifici, secondo quanto riferito. Il duplice omicidio potrebbe essere avvenuto in questo contesto. Nella notte sono state eseguite perquisizioni in ambienti criminali della zona.