Al Bano vende vino a meno di 2€ a bottiglia: ira Slow Food

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Agosto 2015 8:49 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2015 16:40
Al Bano vende vino a meno di 2€ a bottiglia: ira Sloow Food

Al Bano vende vino a meno di 2€ a bottiglia: ira Sloow Food

ROMA – Albano Carrisi vende le sue bottiglie di vino del Salento a meno di due euro a bottiglia. Questa l’offerta apparsa nel volantino della Coop Estense che ha fatto infuriare Slow Food. L’offerta, valida dal 23 agosto al 2 settembre, pubblicizza i vini dell’Azienda agricola Carrisi e prevede 6 bottiglie di vino al prezzo di 11,50 euro, quando normalmente Al Bano vende i suoi vini a circa 10 euro a bottiglia.

Un’offerta contro cui si scaglia Slow Food, scrive Libero quotidiano, sia per il prezzo che per la qualità del prodotto:

“Ed è un fatto particolarmente strano, dal momento che come si può appurare semplicemente andando sul sito dell’azienda, di solito Al Bano i suoi vini li vende intorno ai dieci euro a bottiglia. Il fatto è che l’azienda vinicola del cantante ha prodotto una linea di vini proprio per la grande distribuzione, e ha affidato alla Coop la promozione di questi nuovi prodotti. Quelli di Slow Food storcono il naso, sia che la cifra intorno ai due euro a bottiglia sia quella definitiva per questi prodotti, sia che il prezzo choc si tratti solo di una trovata pubblicitaria.

Nel secondo caso, infatti, “una politica commerciale così aggressiva non ci trova d’accordo perché rischia di minare la concorrenza fra aziende e confondere anche il consumatore, che potrebbe ritenere di poter poi sempre acquistare il determinato prodotto a quel prezzo stracciato”. Nel primo caso, invece, la situazione nasconderebbe un retroscena meno digeribile. Scrivono infatti quelli di Slowine: “Per noi è importante far capire ai lettori e ai consumatori che il vino, come tanti altri prodotti alimentari, ha un suo costo di base, sotto il quale è difficile andare se si vuole mantenere una qualità media non solo in bottiglia ma anche della filiera produttiva”. La stilettata è stata lanciata, ma alla fine saranno i consumatori a giudicare”.