Alassio (SV): sindaco vieta ingresso migranti senza certificato sanitario

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 luglio 2015 13:04 | Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2015 13:04
Alassio (SV): sindaco vieta ingresso migranti senza certificato sanitario

Alassio (SV): sindaco vieta ingresso migranti senza certificato sanitario

ROMA – Alassio (SV): sindaco vieta ingresso migranti senza certificato sanitario. Il sindaco di Alassio, Enzo Canepa, espressione di una lista civica vicino al centrodestra, che nei giorni scorsi si era rifiutato di accogliere 8 profughi, ha firmato una ordinanza in cui vieta l’ingresso in città ai migranti senza certificato sanitario. L’ordinanza si chiama “Tutela sanitaria”. I migranti per entrare nella città del celebre ‘Muretto’ dovranno dimostrare di non avere malattie infettive e trasmissibili.

Il sindaco sottolinea che la decisione è stata presa perché da giugno ci sono sul territorio comunale molti migranti provenienti da Paesi in cui sono presenti malattie come tubercolosi, scabbia, Aids, ebola e dove la profilassi non è adeguata. L’ordinanza impedisce ai migranti senza certificato medico di insediarsi anche occasionalmente nel comune.  “Questa disposizione, che serve a tutelare la sicurezza e la salute dei nostri cittadini e dei nostri turisti, è divenuta necessaria come risposta alla situazione di emergenza e all’invasione incontrollata del territorio nazionale avvenuta negli ultimi mesi”, commenta Canepa.

Jan Casella,ex consigliere comunale, membro della  Rete a Sinistra e dei consigli provinciali di Arci e Anpi parla di “Apartheid sanitaria. Puro razzismo. Le origini delle persone, e il loro status sociale, sono motivo di discriminazione per la Giunta Alassina. Me ne vergogno”. Fra gli altri problemi di applicabilità, l’ordinanza non specifica cosa succede con gli stranieri ricchi che in massa affollano il piccolo centro e che proprio per la loro massiccia presenza hanno portato al record italiano del prezzo degli affitti.