Alberto Menegatti trovato morto in casa. Era vicecampione mondiale Windsurf

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2015 0:59 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2015 0:59
Alberto Menegatti trovato morto in casa. Era vicecampione mondiale Windsurf

Alberto Menegatti trovato morto in casa. Era vicecampione mondiale Windsurf

ROMA – E’ morto nella notte tra il 23 e il 24 febbraio nella sua casa di Tenerife, in Spagna, dove si stava allenando in vista della prossima stagione, Alberto Menegatti, 30 anni, vicecampione del mondo slalom nel 2013 Funboard Pwa e più volte campione italiano di windsurf, forse l’atleta più forte che l’Italia abbia mai avuto in questo sport (a 18 anni vinse anche i Mondiali juniores).

L’atleta originario di Torbole, sul lago di Garda, è stato trovato morto nel suo letto, probabilmente a causa di un malore, dai compagni che non lo avevano visto arrivare agli allenamenti come di consueto. L’autopsia delle autorità iberiche stabilirà le cause del decesso, intanto il mondo del windsurf italiano è in lutto per la sconvolgente notizia.

Secondo Carlo Cottafavi, presidente della Associazione Italiana Classi Windsurf organizzatrice dei campionati italiani di specialità come lo slalom dove Menegatti aveva conquistato 5 titoli nazionali, “Alberto non era solo il Campione, ma anche un grande amico, un ragazzo speciale per tutti noi che con lui abbiamo vissuto tanti momenti, sempre sorridente, sempre disponibile. Ora siamo vicini alla sua famiglia, nessuna parola o gesto potrà lenire questo dolore”.