Alessandria, cena no vax al ristorante: in 50 senza regole e insultano anche i carabinieri

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 1 Febbraio 2022 - 10:46
Alessandria, cena no vax al ristorante: in 50 senza regole e insultano anche i carabinieri

Alessandria, cena no vax al ristorante: in 50 senza regole e insultano anche i carabinieri (Foto d’archivio Ansa)

Una maxi cena tra no vax in un ristorante della provincia di Alessandria. Dove tra i no vax ci sono anche i gestori dell’attività. Quando i carabinieri hanno controllato se fossero state rispettate le norme anti Covid sono stati prima derisi e poi insultati. Anche i proprietari non hanno voluto collaborare con i militari per il controllo del Green Pass.

E tutto succede (purtroppo non è un caso isolato) in nome di una fantomatica libertà. In spregio alla situazione sanitaria del momento e accusando “loro” (il governo ladro, le forze dell’ordine, i nazisanitari, forse anche gli alieni) di un complotto per limitare le libertà individuali. Colpa, purtroppo, anche della tanta disinformazione che gira oggigiorno.

Alessandria, cena al ristorante no vax

Già sanzionato tre volte per il mancato rispetto delle norme anti-Covid, un ristorante della provincia di Alessandria è stato chiuso dai carabinieri. All’interno hanno sorpreso una cinquantina di avventori per la maggior parte senza Green pass e senza mascherina.

Una vera e propria “cena No Vax”, come la definisce il Comando provinciale dell’Arma.

I carabinieri derisi e insultati dai no vax

Ci sono stati insulti nei confronti dei militari intervenuti, derisi per lo stipendio percepito e accusati di violare la Costituzione delle “leggi antiterrorismo di primo livello”. “Libertà, libertà” è il coro che hanno intonato i commensali durante il controllo, che si è concluso con 66 sanzioni per un totale di 26.400 euro.