Alessandria, donna di 24 anni trovata morta in casa. Forse un caso di omicidio-suicidio

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Novembre 2018 22:28 | Ultimo aggiornamento: 30 Novembre 2018 22:29

 

Alessandria donna morta in casa

Alessandria, donna di 24 anni trovata morta in casa (foto Ansa)

ALESSANDRIA – Uccisa, probabilmente a botte o forse per il trauma provocato da un tavolo che le sarebbe stato rovesciato addosso durante una lite. E’ morta così una donna brasiliana di 24 anni, trovata dal marito ventiseienne, anche lui di origini brasiliane nel pomeriggio di oggi 30 novembre in via Milano, nel centro storico di Alessandria.

Probabilmente – ma restano ancora aspetti da chiarire – si tratta di un caso di omicidio-suicidio maturato in famiglia. A colpire la donna sarebbe stato il cognato della vittima, fratello del marito, 22 anni, che si sarebbe poi gettato nel fiume Tanaro, lanciandosi dal nuovo ponte Meier.

Le ricerche del ragazzo nel fiume erano cominciate prima che si scoprisse la donna morta in casa. Ad accorgersi del gesto del giovane suicida erano stati un’automobilista di passaggio sul fiume in compagnia del figlio e un pescatore cinese in riva al Tanaro.

Inutile ogni tentativo di soccorso e il corpo, probabilmente trascinato dalla corrente, non è stato ancora trovato. A metà pomeriggio, mentre i sommozzatori stavano scandagliando il Tanaro, è stato trovato il corpo della donna, in una palazzina di via Milano 127.

Lo ha scoperto il marito, operaio in un’azienda di materiali elettrici, che l’aveva chiamata con insistenza al telefono, ma senza avere mai risposta. L’uomo ha raccontato ai carabinieri di aver cercato di rintracciare anche il fratello, che dall’inizio di settembre era ospite della coppia e stava frequentando un corso serale per imparare la lingua italiana. Ma anche in questo caso le ricerche sono state negative.

Il marito della vittima ha allora lasciato il posto di lavoro dirigendosi verso casa. Appena aperta la porta dell’appartamento ha trovato la moglie, sotto un tavolo rovesciato. Sul corpo della donna non sarebbero state trovate ferite prodotte da armi da fuoco o da taglio. Ma a soccorritori e carabinieri è subito stato chiaro che si trattava di una morte violenta.

Sul posto sono intervenuti i miliari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo con la Sezione Investigazioni Scientifiche. Il marito della vittima è stato sentito a lungo in caserma e i militari hanno raccolto le testimonianze di molti vicini di casa della coppia. La pista più accreditata è si tratti di un omicidio-suicidio, anche se il caso non sarebbe ancora stato risolto. Sotto il ponte è stato trovato un giubbotto blu, lo stesso indossato dal cognato della vittima in una foto trovata in casa.