Alessandria: prof legata e presa a calci, video online. Classe sospesa per un mese

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 marzo 2018 13:40 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018 13:42
Alessandria, bulli aggrediscono prof: classe sospesa

Alessandria: prof legata e presa a calci, video online. Classe sospesa per un mese

ALESSANDRIA – Una professoressa è stata legata alla sedia e presa a calci da alcuni allievi di una classe di prima superiore, mentre gli altri ragazzini giravano un video che è stato postato su Instagram.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

I ragazzini hanno approfittato della donna, che ha difficoltà motorie, per aggredirla in classe e solo l’arrivo di uno studente maggiorenne, che si è accorto di quanto stava accadendo ed è intervenuto, ha permesso di evitare il peggio. La docente non ha denunciato i ragazzi, ma il preside ha disposto la sospensione dell’intera classe per un mese. Antonella Mariotti su La Stampa scrive:

“L’episodio è accaduto più di un mese fa, per tutelare la docente che non ha sporto denuncia non scriveremo di quale scuola si tratta, ma i fatti sono gravi anche se alcuni insegnanti e il preside tendono a parlare solo di un «episodio isolato e non di una tendenza». La professoressa ha difficoltà motorie e un fisico fragile: durante una lezione i ragazzini di una prima superiore l’hanno legata alla sedia della cattedra e presa di mira a calci. Alcuni di loro, quelli che non partecipavano riprendevano con i cellulari.

Il video è stato poi postato su Instagram e ha girato per gli smartphone di parecchi ragazzini. Ed è così che in città sono in molti ad aver visto quelle immagini, seppur eliminate in fretta, di quell’aggressione vigliacca a chi non poteva difendersi. La punizione per i ragazzini è stata di un mese di sospensione con l’obbligo di frequenza in aggiunta la pulizia dei cestini delle altre aule durante l’intervallo. «Una punizione per nulla esemplare, e un messaggio sbagliato agli studenti che rispettano la scuola e gli insegnanti» hanno detto altri docenti che avrebbero voluto «pene» più severe”.