Alessandro Baricco ha la leucemia mielomonocitica cronica: “Farò il trapianto di cellule staminali”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2022 15:25 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2022 15:25
Alessandro Baricco leucemia mielomonocitica cronica

Alessandro Baricco ha la leucemia mielomonocitica cronica: “Farò il trapianto di cellule staminali” (foto ANSA)

Lo scrittore Alessandro Baricco ha una leucemia mielomonocitica cronica. Lo ha annunciato lui stesso attraverso i social. Dovrà sottoporsi ad un trapianto di cellule staminali del sangue fra pochi giorni. A donare le cellule sarà la sorella Enrica. 

Alessandro Baricco ha la leucemia, sarà sottoposto a trapianto

“Cinque mesi fa mi hanno diagnosticato una leucemia mielomonocitica cronica. Ci sono rimasto male, ma nemmeno poi tanto, dai. Quando hai una malattia del genere la cosa migliore che puoi fare è sottoporti a un trapianto di cellule staminali del sangue, cosa che farò tra un paio di giorni”. 

“Ecco, mi va ancora di dire che percepisco ogni momento la fortuna di vivere tutto questo con tanti amici veri intorno, dei figli in gamba, una compagna di vita irresistibile, e il miglior Toro dai tempi dello Scudetto – scrive ancora Baricco su Facebook -. Sono cose, le prime tre, che ti cambiano la vita. La quarta certo non te la guasta. Insomma, la vedo bene”.

Cos’è la leucemia mielomonocitica cronica

La leucemia mielomonocitica cronica (LMMC) – si legge sul sito dell AIL – è la più frequente delle sindromi mielodisplastico-mieloproliferative, ed è una malattia caratterizzata dall’aumento di una specifica popolazione di globuli bianchi: i monociti.

Le sindromi mielodisplastico-mieloproliferative sono un gruppo di patologie a cavallo fra le neoplasie mieloproliferative croniche, in quanto presentano spesso una proliferazione eccessive delle cellule del sangue, e le sindromi mielodisplastiche, con cui condividono una maturazione anormale dei precursori del midollo.

La LMMC è una malattia eterogenea, che compare solitamente in età avanzata e che può presentarsi in una forma displastica, in cui prevalgono anemia e neutropenia, oppure in una forma proliferativa, con un numero elevato di globuli bianchi. Vi è sempre un eccesso di monociti nel sangue e nel midollo, e un numero variabile di cellule immature (“blasti”).

La prognosi, in maniera simile ma non uguale alle sindromi mielodisplastiche, viene stimata da diversi score, che considerano i valori dell’emocromo, il numero dei blasti, il valore dei globuli bianchi, la citogenetica e, più recentemente, la mutazione in alcuni geni specifici come l’ASXL1.

Il trapianto allogenico di cellule staminali è l’unico trattamento con potenzialità curative, ma in molti casi – in considerazione dell’elevata età della maggioranza dei pazienti – è di difficile attuazione. Viene comunque raccomandato nei casi ad alto rischio.