Alessandro Cozzi, ergastolo cancellato: in Appello conduttore condannato a 24 anni per omicidio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 febbraio 2019 15:03 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2019 15:04
Alessandro Cozzi, ergastolo cancellato:  in Appello conduttore condannato a 24 anni per omicidio

Alessandro Cozzi, ergastolo cancellato: in Appello conduttore condannato a 24 anni per omicidio

MILANO – E’ stato cancellato l’ergastolo inflitto in primo grado ed è stato condannato a 24 anni di carcere l’ex conduttore tv Alessandro Cozzi, accusato dell’omicidio dell’imprenditore Alfredo Cappelletti, ucciso a Milano in via Malpighi nel 1998. Lo ha deciso la Corte d’assise d’appello che ha escluso l’aggravante della premeditazione. “Così è meglio di una assoluzione. Almeno farà qualche anno in galera”, sono le parole a caldo della moglie della vittima. 

Si tratta di un ‘cold case’ riaperto nel 2012 dopo che all’epoca l’indagine venne archiviata come suicidio. Lo ha deciso la Corte d’Assise di Milano che ha accolto la richiesta del pm Maurizio Ascione.

Cozzi era stato già condannato anche dalla Corte d’assise d’appello per l’omicidio di Ettore Vitiello, 58 anni, avvenuto nel marzo 2011. Titolare di un’agenzia di formazione e lavoro, Vitiello venne ucciso con una trentina di coltellate nel suo studio. Movente del delitto, un debito di 17.000 euro che Cozzi aveva con lui. Il giudice Elisabetta Meyer condannò un anno fa l’omicida reo confesso con rito abbreviato ad una pena – 14 anni – che l’avvocato Gaetano Pecorella, legale della famiglia Vitiello, moglie e due figli costituitisi parte civile, definì inadeguata per la crudeltà del fatto.

Fonte: Ansa