Alfredo Famoso, tassista ucciso. Compagna Davide Righi: “Picchiato per salvarmi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 settembre 2014 9:26 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2014 9:28
Alfredo Famoso, tassista ucciso. Compagna Davide Righi: "Picchiato per salvarmi"

Alfredo Famoso, tassista ucciso. Compagna Davide Righi: “Picchiato per salvarmi”

MILANO – “Davide Righi mi ha salvata e ha reagito all’aggressione di Alfredo Famoso“. Questa la versione di Francesca, la compagna di Davide Righi, accusato di omicidio preterintenzionale per la morte del tassista Famoso. Il 23 settembre si è svolta la prima udienza del processo e la compagna di Righi ha raccontato la sua versione dei fatti, una versione in cui il tassista aveva rischiato di investirla e il compagno l’ha difesa.

Secondo la ricostruzione del pm Maria Tessera Latella, Famoso non si fermò per far passare la coppia e Righi, informatico di 49 anni insieme alla compagna incinta al nono mese, scaglio delle bottiglie d’acqua contro il taxi. Poi Famoso si fermò e scese dall’auto e allora Righi tirò la confezione da 4 bottiglie contro il tassista, colpendolo alla testa e facendolo cadere. E proprio il violento trauma cranico della caduta ha causato la morte di Famoso.

Ben diversa la versione di Francesca, che sostiene come le bottiglie lanciate contro il taxi fossero solo 2 e non 4 e che ha dichiarato in aula:

“si è fermato (Famoso, ndr) dieci metri più avanti e ha cominciato a correrci dietro dicendo “dove andate, dovete pagare lo specchietto rotto” , poi ci ha raggiunto ed io, che ero incinta al nono mese, sono rimasta come congelat. Solo a quel punto Righi ha colpito in volto Famoso con le bottiglie e il tassista è inciampato, scivolato cadendo a terra”.

La coppia poi si è allontanata, dice la donna. Ma un testimone smentisce e ha dichiarato che Famoso non ha mai insultato la coppia e che dopo aver colpito il tassista Righi disse “così impara” e poi ordinò alla compagna di andare via in fretta dalla scena.