Alghero, scheletro di un 50enne ucciso 20 anni fa ritrovato in spiaggia

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 gennaio 2019 7:00 | Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2019 2:27
 
alghero scheletro

Alghero, scheletro di un 50enne ucciso 20 anni fa ritrovato in spiaggia

ALGHERO – Lo scheletro di un uomo probabilmente di circa 50 anni e morto una ventina di anni fa, è stato trovato nella Baia di Capo Caccia, ad Alghero in provincia di Sassari. Il corpo era insabbiato vicino alla scogliera di Mugoni, alle spalle della omonima spiaggia. Una pattuglia della sezione navale della forestale stava perlustrando il litorale nell’ambito di una normale attività di monitoraggio per la tutela della “pinna nobilis”.

Sono stati proprio loro a notare la presenza di alcune ossa riportate alla luce dalle mareggiate dei giorni scorsi. Scavando si sono ritrovati di fronte i resti quasi integri di un corpo umano, rannicchiato e coperto da pochi palmi di sabbia, in un’area priva di vegetazione.     

Le ossa ora sono state rimosse. Il medico legale presente sul posto ha intanto formulato le prime ipotesi: i resti trovati apparterrebbero a un uomo di età compresa fra i 30 e i 50 anni e il periodo di sepoltura potrebbe essere di circa una ventina di anni fa. 

A tracciare un quadro saranno ora le analisi che nei prossimi giorni verranno eseguite all’Istituto di Patologia forense di Sassari. In questo modo si cercherà di identificare il corpo e stabilire le cause del decesso.  

La mancanza di vegetazione nel punto del ritrovamento e le condizioni dei resti recuperati lasciano aperta l’ipotesi che quel corpo di stazza non eccessivamente imponente non si trovasse lì da troppo tempo. Ma per la datazione del decesso e per stabilire se quel corpo sia stato sotterrato da qualcuno o se sia stato trascinato dalle mareggiate bisognerà attendere ulteriori accertamenti.