Alitalia: Fiumicino-Marrakech, prima nuova rotta dopo l’accordo con Etihad

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 settembre 2014 20:45 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2014 20:45
Alitalia: Fiumicino-Marrakech, prima nuova rotta dopo l'accordo con Etihad

Alitalia: Fiumicino-Marrakech, prima nuova rotta dopo l’accordo con Etihad

ROMA – Marrakech, poi Marsiglia, in seguito altre città del mondo. La nuova Alitalia dell’accordo con Etihad comincia a prendere forma con nuove rotte, in attesa dell’arrivo a Roma, probabilmente la prossima settimana, dell’ad della compagnia del Golfo, James Hogan: in agenda, la scelta dei vertici e la presentazione della visione Etihad al personale della compagnia italiana. Con il nuovo volo inaugurato il 3 settembre tra Fiumicino e Marrakech, che avrà cadenza bisettimanale, Alitalia raddoppia la propria presenza in Marocco, dove già opera a Casablanca con 12 voli alla settimana, sempre da Roma.

“Marrakech è una delle città imperiali del Marocco e quindi una meta di rinomata importanza e dal forte richiamo turistico per gli europei”, ha spiegato Massimo Iraci di Alitalia, aggiungendo che “l’espansione internazionale di Alitalia da Roma Fiumicino non si ferma qui; abbiamo già in programma l’avvio di un nuovo volo Roma-Marsiglia dal 26 ottobre e molti altri nuovi collegamenti internazionali verranno svelati nei prossimi mesi”. Del resto l’accordo con Etihad dell’8 agosto punta proprio sull’espansione della dimensione internazionale con un network incentrato sulla crescita dei voli a lungo raggio sia da Fiumicino che da Malpensa.

Proseguono, intanto, le attività relative proprio all’accordo con gli arabi, sia da un punto di vista istituzionale che societario e sindacale. Il commissario Ue alla Concorrenza, Joaquin Almunia, ha ricordato che Bruxelles “aspetta la notifica formale dell’acquisizione: non l’abbiamo ancora ricevuta, prima di vedere la notifica formale non avrò un’opinione”. Del resto per la messa a punto della documentazione c’è ancora tempo, visto che la scadenza fissata è il 19 settembre: in ogni caso, secondo alcune indiscrezioni, Bruxelles sarebbe intenzionata a dare un via libera condizionato alla rinuncia di alcuni slot e tratte in sovrapposizione tra le due compagnie. In queste due settimane, comunque, ci saranno altri importanti passaggi, a cominciare dalla missione a Roma di Hogan, nell’ambito della quale verranno probabilmente scelti i successori del presidente Roberto Colaninno e dell’ad Gabriele Del Torchio. Per la prima posizione si parla da tempo di Luca Cordero di Montezemolo, mentre per la seconda il toto-nomi vede in pole position l’ex ad di Benetton, Silvano Cassano. Per quanto riguarda infine il personale, entro il 10 settembre i 2.171 lavoratori in esubero che vorranno aderire alla mobilità volontaria, con una buonuscita di 10mila euro lordi, dovranno presentare la domanda. Dal 15, invece, scatteranno le lettere di licenziamento.