Alitalia inaugura la terza classe: poco lusso ma più comfort

Pubblicato il 16 luglio 2010 12:30 | Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2010 12:30

Una novità per i passeggeri di Alitalia: la compagnia aerea ha presentato ieri la nuova terza classe delle tratte intercontinantali. Si chiama “Classica Plus”, è destinata a chi vuole un po’ più di spazio e di comodità rispetto alla “Classica” (la ex “Economy”) ma senza i lussi – e i costi – della “Magnifica” (la vecchia “Business”).

Venti centimetri di spazio in più per distendere i piedi e sedile reclinabile a 120 gradi, oltre ad una trousse firmata e il doppio di miglia premio. Minimo il sovrapprezzo rispetto all’economy: se il volo di andata e ritorno Milano-New York costa di base 700 euro, , la tariffa in Classica plus  sale a circa 1.000 euro, mentre per una business se ne devono sborsare almeno 2.100.

Per adesso la nuova classe è presente solo sugli Airbus in volo da Milano a Tokio, ma da agosto apparirà anche sulla tratta Milano New York e Milano-Miami, e con l’acquisto dei nuovi Airbus 330 farà la propria comparsa anche sui voli in partenza da Roma Fiumicino.

La precedenza ai voli dal capoluogo lombardo è motivata: qui Alitalia sente di aver perso l’appeal, prima, nel 2008, con il ritiro di diversi voli, poi con l’avanzata di Lufthansa che proprio questa settimana ha presentato il suo nuovo Airbus 380.

“Ma mentre gli altri fanno solo vedere a Malpensa i nuovi aerei, noi qui li facciamo volare”, commenta Rocco Sabelli, amministratore delegato di Alitalia. “L’offerta, spiega Marco Gobbi, manager Alitalia per le rotte intercontinentali, si rivolge a una clientela che vola spesso per lavoro. In un momento in cui le aziende devono ridurre molto i costi, abbiamo introdotto questa opportunità che consente di avere un po’ di comfort in più con un piccolo sovrapprezzo. I primi risultati sono incoraggianti: per i mesi di settembre e ottobre abbiamo già un fattore di riempimento dei posti che è superiore al 50 per cento”.

Con la nuova classe “media” si sono persi posti in economy, ma i 28 sedili della “business” sono rimasti numericamente invariati. “Anzi, aggiunge Gobbi, puntiamo a migliorare la qualità per questo segmento di mercato per il quale registriamo spesso il tutto esaurito specie nei voli verso gli Stati Uniti”. I passeggeri vip avranno a disposizione nuovi privilegi: una poltrona-letto che massaggia la schiena, menu a base di prodotti italiani dop, vini scelti dall’associazione italiana sommelier e un video individuale da 15 pollici con una scelta di 40 film.

Alitalia è la quarta compagnia al mondo ad introdurre la terza classe: prima di lei, Air france, British Airways e Virgin. Ma l’azienda presieduta da Roberto Colaninno è la prima a presentarle nei voli in partenza dall’Italia.

Il percorso positivo della compagnia italiana è confermato dai dati sui ricavi e passeggeri: rispetto ad un anno prima, il mese di giugno ha visto crescere le entrate del 18 per cento e un aumento dei clienti del 7 per cento.