Allarme bomba a Pescara: fatti brillare pacchi sospetti in diversi punti della città

di Alessandro Avico
Pubblicato il 9 Settembre 2020 10:00 | Ultimo aggiornamento: 9 Settembre 2020 11:57
Allarme bomba a Pescara: pacchi sospetti in diversi punti della città

Allarme bomba a Pescara: pacchi sospetti in diversi punti della città (Foto Ansa)

Allarme bomba a Pescara per alcuni pacchi sospetti in diversi punti della città. “Oggi salteranno in aria 4 palazzi simbolo della città”.

A Pescara alle 8 di mercoledì mattina è scattato un allarme bomba per diversi pacchi sospetti. Pacchi sospetti che poi sono stati fatti tutti brillare. Le zone interessate sono il Comando provinciale dei Carabinieri, il Tribunale, il Distretto sanitario di via Rieti e viale Regionale Margherita. Pacco sospetto infine anche nelle vicinanze della Camera di Commercio. Sul posto sono presenti vigili del Fuoco, polizia, carabinieri, artificieri e 118. La zone interessate sono state transennate e messe in sicurezza. 

Si tratta di buste postali gialle, di grandi dimensioni, al cui interno non vi era alcun ordigno, ma fili e plastilina. Gli artificieri hanno infatti accertato che non era sostanza esplosiva. Sulle buste c’era spillato un volantino minatorio, con la scritta “Oggi salteranno in area (aria ndr.) quattro palazzi simbolo della città”.

Poi seguono accuse nei confronti di un pubblico ministero in servizio a Pescara. Uno dei finti pacchi bomba trovato proprio davanti al portone di ingresso del magistrato finito nel mirino. I volantini sono stati anche affissi sui muri di alcuni palazzi, che si trovano vicino ai punti dove sono state lasciate le buste sospette. 

Dopo le 8 sono stati segnalati pacchi sospetti in viale D’Annunzio nei pressi del Comando Provinciale dell’Arma, davanti al Tribunale. Poi anche nei pressi della Camera di Commercio, angolo con via Marco Polo, via Regina Margherita. Allarme anche dinanzi il distretto ASL di via Rieti, quest’ultimo evacuato in via precauzionale. Le zone sono state transennate e inibite al passaggio di auto e pedoni.

In base alle prime informazioni si parla di buste, pacchi e foglietti contenenti minacce a un magistrato. Tutte le zone in questione sono state evacuate e interdette al traffico. Poco fa è stato fatto brillare anche il pacco bomba di fronte alla caserma dei carabinieri, all’interno del quale c’era della plastilina. (Fonte Agi).