Allerta meteo in Liguria e Piemonte: in arrivo nubifragi e temporali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 novembre 2014 11:59 | Ultimo aggiornamento: 4 novembre 2014 12:02
Allerta meteo in Liguria e Piemonte: in arrivo nubifragi e temporali

Allerta meteo in Liguria e Piemonte: in arrivo nubifragi e temporali

GENOVA – Violenti nubifragi e temporali arrivano su Liguria e Piemonte e a Genova scatta l’allerta meteo dal 4 novembre fino alla mezzanotte di mercoledì 5 novembre. L’ondata di maltempo in arrivo con la nuova perturbazione porta piogge anche nella provincia di Alessandria, dove molti sindaci hanno ordinato la chiusura delle scuole.

Il maltempo poi si sposterà su Toscana e Lazio, ma solo da venerdì 7 novembre la situazione inizierà a migliorare. Repubblica scrive:

“Il peggioramento è previsto tra questo pomeriggio e stasera su quasi tutta la Liguria, su gran parte del Piemonte, specie biellese, novarese, vercellese, Val d’Ossola con grossi quantitativi di pioggia e alto rischio alluvionale.

Domani(5 novembre, ndr) la situazione non cambierà molto con il maltempo che insisterà sulla Liguria centro-orientale, sul Triveneto, ma anche su tutta la Toscana e il Lazio con nubifragi anche su queste regioni. Temporali forti anche sulle coste ioniche della Sicilia e Calabria. Più asciutti e soleggiati i versanti adriatici.

A Venezia prevista un’alta marea di 118 cm alle ore 9 di mercoledì. Giovedì nuovi nubifragi su Lazio, Sicilia, Calabria e su tutti i settori ionici del sud mentre al nord inizierà a migliorare. Per il weekend è atteso un miglioramento con piogge in decisa diminuzione su gran parte della Penisola e il sole che tornerà a far capolino sulla maggior parte delle regioni”.

A Genova, dopo l’alluvione del 9 ottobre, l’allerta è già stata lanciata:

“La sala operativa della Protezione civile regionale sarà aperta fino a 24 ore al giorno. Il Comune di Genova ha attivato il numero verde ed invita la cittadinanza “a limitare al massimo l’uso delle auto private”. Attivate tutte le misure di prevenzione, con il costante monitoraggio delle situazioni a rischio”.