Alluvione Messina, sfollati: "Andare via? Per noi è dura"

Pubblicato il 25 Novembre 2011 18:23 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2011 18:25

ROMETTA (MESSINA) – La frazione di Sant'Andrea, a Rometta, nella zona tirrenica del messinese, è stata una delle più colpite dall'alluvione di martedì scorso. Molti dei residenti dovranno lasciare le loro case ma loro non vorrebbero andare via. Tra le persone che con le famiglie stanno per trasferirsi in albergo c'e' Francesco Cavallaro.

La sua casa è stata colpita dalla frana, ma lui è riuscito a mettersi in salvo con la famiglia. ''Abbiamo paura – ha detto Cavallaro – e abbiamo avuto tanti danni. Dovrò fare diversi lavori per mettere a posto la casa ma probabilmente sarà tutto vano perchè ogni anno si ripetono eventi meteorologici dello stesso tipo con oltre 300 mm di pioggia. Lo scorso anno è stata distrutta la casa accanto alla mia. Vorrei restare qui, ma la sicurezza non c'è più''.

La pensa come lui anche un altro degli sfollati, il veterinario Antonio Donato, che sta spalando il fango per ripulire la strada d'accesso a casa sua. ''La sera dell'alluvione – ha detto – mia moglie e mio figlio di un anno erano rimasti bloccati in casa perchè la frana aveva circondato tutta la casa ma per fortuna il fango non è entrato in casa. Appena ho saputo che non potevano fuggire ho corso a piedi per diversi chilometri per raggiungerli perche l'auto era bloccata dalla frana. Alcuni vicini sono riusciti a liberare mia moglie e il piccolo e sono arrivato anche io con i carabinieri, che mi hanno molto aiutato''.

''Noi – ha concluso Donato – non vogliamo lasciare la nostra casa che ci è costata tanti sacrifici e per la quale pago ancora il mutuo. Ci piace abitare in montagna e in mezzo alla natura. Qui non ci sono case abusive, ma si deve sistemare il territorio, speriamo che il Governo stanzi i fondi necessari''.