Alvaro Pirolo muore schiacciato da pressa a scuola ad Avezzano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Marzo 2015 10:18 | Ultimo aggiornamento: 3 Marzo 2015 10:18
Alvaro Pirolo muore schiacciato da pressa a scuola ad Avezzano

Alvaro Pirolo muore schiacciato da pressa a scuola ad Avezzano

AVEZZANO – Un bidello è rimasto schiacciato contro il muro mentre spostava una pressa in una scuola superiore di Avezzano (L’Aquila). Alvaro Pirolo, 55 anni, era il bidello storico dell’Istituto per Geometri ‘Leon Battista Alberti‘ di Avezzano. Stava spostando una pressa, di quelle usate nella scuola per prove sui cubi di cemento. Era stata collocata in un cortile esterno dopo il terremoto del 2009. Pirolo stava riportando il macchinario all’interno quando, mentre cercava di caricarlo su un muletto a mano, si è inclinato e gli è caduto addosso, schiacciandolo contro il muro. Il collega che lo stava aiutando è riuscito a dare l’allarme, ma troppo gravi le ferite riportate. Pirolo è morto durante il trasporto in ospedale. Inutile anche il tempestivo intervento dei vigili del fuoco per rimuovere la pressa.

“Lo vedo tutte le mattine. Questa mattina invece no. Non ho neanche potuto salutarlo. Ho saputo la notizia dai suoi tre figli” ha detto la sorella Annamaria tra le lacrime riattaccando il telefono. “E’ sempre stato disponibile con docenti e alunni – racconta addolorata una professoressa dell’Istituto – difficile trovare una persona disponibile come lui”. “Questa nuova tragedia ci impone l’imperativo di un impegno costante, crescente e corale sulla sicurezza del lavoro, a tutela delle persone, a tutela della loro vita e della loro salute. Alla famiglia e ai colleghi esprimo il mio profondo cordoglio” scrive il presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio.