Amanda Knox: “Non torno in Italia per processo ma pronta a test della verità”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 settembre 2013 16:15 | Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2013 16:15
Amanda Knox: "Non torno in Italia per processo ma pronta a test della verità"

Amanda Knox (Foto Lapresse)

LONDRA  – Amanda Knox non tornerà in Italia per il nuovo processo riguardante l’omicidio di Meredith Kercher ma si è detta pronta a sottoporsi alla macchina della verità per provare la sua innocenza. La 26enne americana lo ha ribadito in un’intervista alla emittente britannica Itv. ”Mi andrebbe bene sottopormi al test della verità – ha detto Knox parlando da Seattle – Farei di tutto per provare la mia innocenza. Non penso che però sia necessario, ma come ho detto, sto facendo tutto quello che posso per provare la mia innocenza”.

Nel corso dell’intervista, Amanda ha anche ribadito di aver paura del sistema giudiziario italiano perché è stata già ”imprigionata ingiustamente” e che non vuole che questo si ripeta una seconda volta.

Dopo la condanna in primo grado a 26 e 25 anni di reclusione, Amanda Knox e Raffaele Sollecito – che si sono sempre proclamati innocenti – sono stati assolti in appello tornando liberi dopo quasi quattro anni di carcere. Sentenza annullata a marzo dalla Cassazione che ha disposto un nuovo processo d’appello per i due giovani da celebrare questa volta a Firenze, per questioni procedurali.

Un meccanismo che la Knox non comprende: per questo ha paura di tornare in Italia. “Sono libera e presunta innocente”, ha ribadito Amanda che non si sottrarrebbe al test della verità.