Amianto: 80 operai condannati a restituire un pezzo di pensioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Marzo 2015 14:09 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2015 14:09
Amianto: 80 operai condannati a restituire un pezzo di pensioniAmianto: 80 operai condannati a restituire un pezzo di pensioni

Amianto: 80 operai condannati a restituire un pezzo di pensioniAmianto: 80 operai condannati a restituire un pezzo di pensioni

ROMA – Erano destinatari di una pensione perché per anni avevano lavorato esposti all’amianto nelle vetrerie intorno a Empoli: 80 ex operai, ha deciso la Corte di Cassazione, sono ora costretti a restituire, fra tutti, più di un milione di euro all’Inps.

Cioè quegli integrativi alla pensione prima accordati, poi bloccati e oggetto, in questo caso, di una contesa giudiziaria ventennale. Viola Centi sul Corriere della Sera spiega perché la complicata vicenda si è risolta per qualcuno, già offeso dall’esposizione all’amianto, in una vera beffa supplementare.

La beffa è arrivata per 80 operai a distanza di vent’anni dall’inizio della battaglia legale portata avanti dal patronato dell’Inca Cgil. I condannati a risarcire lo Stato sono gli ultimi che hanno richiesto le indennità. I primi 100 che avevano fatto domanda (su circa 400 cause totali) sono infatti sicuri che non dovranno restituire un centesimo.

Perché le loro cause erano già passate in giudicato, mentre per le ultime, l’Inps, ha potuto ricorrere in Cassazione.I primi 100 che avevano fatto  domanda (su circa 400 cause totali) sono infatti sicuri che non dovranno restituire un centesimo. Perché le loro cause erano già passate in giudicato, mentre per le ultime, l’Inps, ha potuto ricorrere in Cassazione. (Viola Centi, Corriere della Sera)