Andrea Loris Stival, Giallo: “Veronica Panarello aveva un appuntamento quel giorno?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Febbraio 2015 11:45 | Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio 2015 13:03
Veronica Panarello ha ucciso Loris per andare a un appuntamento? L'articolo di Giallo

Veronica Panarello ha ucciso Loris per andare a un appuntamento? L’articolo di Giallo

ROMA – Veronica Panarello, la donna accusata per l’omicidio del figlio, ha ucciso Loris per andare a un appuntamento? L’indiscrezione e la domanda sono di Giallo. Il settimanale spiega: “La mattina del delitto, Veronica si era vestita bene e truccata più del solito per andare a un corso di cucina. Loris ha fatto i capricci perché voleva accompagnarla e non andare a scuola. Si sospetta che lei, in realtà, avesse un appuntamento con un uomo e volesse andarci da sola”.

“Come sapete – si legge nell’articolo di Roberto Vergani – Veronica Panarello la mattina del delitto doveva partecipare a un corso di cucina al castello di Donnafugata (…) Secondo indiscrezioni – spiega il giornalista di Giallo – il vero interesse di Veronica non sarebbe stata la lezione, ma uno dei partecipanti o uno degli organizzatori del corso”. Chi è l’uomo? Questo rimane un mistero. “Un incontro atteso da tanto – insiste Giallo – e al quale voleva presentarsi bene. Del resto perché avrebbe dovuto agghindarsi per andare a n corso di come si usa il Bimby, cioè un robot da cucina?”.

Poi il settimanale cita un passaggio dell’ordinanza del Riesame: “Il bambino, nel vedere la mamma così ben vestita e truccata, avrebbe insistito per passare la mattina con lei, rinunciando ad andare a scuola”. Poi Giallo spiega “che la circostanza che Veronica sarebbe andata al castello di Donnafugata per vedere un uomo che destava in lei un certo interesse non compare in alcun verbale, né negli interrogatori né nelle ordinanze emesse dai vari tribunali” ma è “una indiscrezione, seppur proveniente da fonti molto attendibili, e, come tale, va letta”. E poi, aggiunge il giornalista di Giallo, “perché Veronica, pochi giorni prima del delitto, ha eliminato due suoi profili Facebook che aveva creato con nomi falsi. Li usava forse per comunicare con l’uomo misterioso?”.