Angela Lepore soffocata con un sacchetto in casa a Urbino

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 novembre 2014 10:19 | Ultimo aggiornamento: 5 novembre 2014 10:28
Angela Lepore soffocata con un sacchetto in casa a Urbino

Angela Lepore soffocata con un sacchetto in casa a Urbino

URBINO –  Angela Lepore è morta soffocata da un sacchetto. Questa la causa del decesso della studentessa universitaria di 28 anni originaria di Ariano Irpino, in provincia di Avellino, trovata morta a Urbino dalla coinquilina la mattina di lunedì 3 novembre. Secondo gli investigatori, che attendono l’esito dell’autopsia, la Lepore si è tolta la vita.

Il Mattino scrive:

“La coetanea che ha dato l’allarme, allertando i carabinieri e il 118, l’avrebbe ritrovata distesa sul letto e con un sacchetto di plastica infilato sulla testa. A nulla sono valsi i tentativi di soccorrerla, quando l’ambulanza è arrivata era già troppo tardi. Secondo un primo esame medico la morte sarebbe sopraggiunta per asfissia e i carabinieri escludono responsabilità di terze persone per quanto avvenuto.

Dall’autopsia si potrà accertare se la giovane abbia ingerito farmaci o altri medicinali per stordirsi prima di compiere il drammatico e definitivo gesto: anche ieri i carabinieri hanno effettuato un sopralluogo nell’appartamento alla ricerca di lettere o biglietti esplicativi ma non avrebbero ritrovato nulla. Angela Lepore aveva lavorato in un bar del centro storico per mantenersi agli studi, e da ultimo in un altro bar a Fermignano.Sembra che avesse tentato di togliersi la vita anche in passato, assumendo degli ansiolitici, mentre in un’altra occasione era stata ricoverata in ospedale per una crisi di panico.

Chi la conosceva racconta che era entrata in depressione da tre anni, dopo l’improvvisa scomparsa della madre in seguito a un aneurisma. La morte di Angela Lepore si è diffusa rapidamente nel suo paese di origine suscitando ovunque profondo dolore e amarezza”.