Angela Piccolo, la tabaccaia di 90 anni mette in fuga il ladro: “Non ho paura di nessuno”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 gennaio 2019 13:30 | Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2019 13:30
Angela Piccolo, tabaccaia mette in fuga ladro a 90 anni

Angela Piccolo, la tabaccaia di 90 anni mette in fuga il ladro: “Non ho paura di nessuno” (Foto da Facebook)

CASERTA – Un ladro è entrato nella tabaccheria storica di Marcianise gestita dalla 90enne Angela Piccolo, ma il malcapitato ladro ha dovuto arrendersi e fuggire. La signora che gestisce la tabaccheria ormai da oltre 50 anni si è trovata davanti l’uomo che la minacciava con un coltello chiedendo gli incassi, ma lei ha reagito gridando e l’ha mandato via a mani vuote, mentre un passante chiamava la polizia. Il rapinatore è stato fermato poco dopo dagli agenti e identificato dalla signora Angela. “Non ho paura di nessuno”, ha raccontato subito dopo il fatto.

Secondo la ricostruzione dei quotidiano locali, la Piccolo era già stata vittima di un’altra rapina il mese scorso nella tabaccheria di famiglia nella provincia di Caserta. Quando però un uomo armato di coltello ha tentato di rapinarla, stavolta Angela ha reagito. La donna è stata coraggiosa e ha fatto arrestare il bandito. Il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi, le ha regalato delle rose e su Facebook l’ha definita “una cittadina esemplare e coraggiosa. Con la sua azione dà lezioni ad ognuno di noi”.

Il sindaco della città in un post su Facebook racconta: “Ieri mattina c’è stato un tentativo di rapina in un negozio di sali e tabacchi nel centro di Marcianise. Una tabaccheria tra le più antiche della Campania: ha cent’anni di vita. All’interno vi era la titolare che ha 90 anni e lavora nella tabaccheria da quando ne aveva 12, quindi da 78 anni. Non la abbandona perché è un suo pezzo di vita. Si chiama Angela Piccolo, è la vedova di un agente della municipale». «Il mese scorso aveva subito un’altra rapina, ieri ha reagito. Ha messo in fuga il rapinatore che era armato di coltello e la minacciava. Ha urlato e il giovane è fuggito. Poi ha chiamato il 113 con l’aiuto di un passante, sul posto è intervenuta subito una volante del commissariato. Il rapinatore è stato inseguito e bloccato a poca distanza. È stato riconosciuto dalla signora che non ha avuto esitazioni e non ha avuto paura”.