Angela Reyes Coello uccisa a Genova. Il marito: “Ho perso la testa. Aveva un altro”

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 aprile 2018 19:30 | Ultimo aggiornamento: 10 aprile 2018 19:30
Angela Reyes Coello uccisa a Genova. Il marito confessa: "Aveva un altro"

Angela Reyes Coello uccisa a Genova. Il marito confessa: “Aveva un altro”

GENOVA  – “Aveva una storia con un altro” Angela Reyes Coello, la badante ecuadoriana di 46 anni trovata morta sabato nella sua casa a Genova Sampierdarena.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Per questo il marito, Javier Napoleon Pareja Gamboa, l’avrebbe uccisa. “Ho perso la testa – ha detto l’uomo durante l’interrogatorio – Abbiamo discusso e io non ho capito più nulla. Ho preso un coltello dalla cucina e l’ho colpita. Poi sono scappato”.

L’operaio, 52 anni, era arrivato in Italia sabato intorno alle 13. Mancava da Genova da otto mesi, quando i litigi con la moglie erano diventati sempre più frequenti. Nonostante la lontananza, marito e moglie erano rimasti in contatto e nell’ultimo mese avevano deciso di tornare insieme. Era stata Angela a organizzare il rientro del marito e si era recata fino a Milano per andarlo a prendere all’aeroporto. Però quel rientro è stato fin da subito problematico.

Rispondendo alle domande del sostituto procuratore Gabriella Marino, dei carabinieri e della polizia l’uomo ha confessato il delitto. “Dopo sono scappato – ha proseguito – ho buttato il coltello da un ponte, ma non ricordo dove. E ho vagato per due giorni, non mi ricordo nulla di dove sono andato, come ci sono arrivato”.

“Sabato sera – ha raccontato ancora – abbiamo cenato, poi abbiamo visto un film. E abbiamo discusso della sua relazione extraconiugale. Non era la prima volta che aveva una relazione con altri. La discussione è degenerata e l’ho uccisa. Ma io l’amavo, l’ho sempre amata nonostante tutto”.

L’uomo è stato individuato in via delle Fabbriche da una volante del reparto prevenzione crimine che lo ha fermato per identificarlo. I poliziotti lo hanno portato in Questura dove Gamboa ha ammesso l’omicidio. A quel punto gli agenti hanno avvisato il magistrato.