Angelo Greco, il sergente dell’Aeronautica che ha salvato sette persone in un giorno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Agosto 2020 14:21 | Ultimo aggiornamento: 7 Agosto 2020 14:21
Angelo Greco, Ansa

Angelo Greco, il sergente dell’Aeronautica che ha salvato sette persone in un giorno (foto d’archivio Ansa)

Angelo Greco, il sergente dell’Aeronautica che ha salvato sette persone in un giorno.

Si chiama Angelo Greco il sergente maggiore dell’Aeronautica che ha salvato sette persone, tre bambini e quattro adulti, in un solo giorno.

Greco si trovava a Marina di Pulsano, Taranto, insieme alla figlia Noemi di 4 anni, in spiaggia libera, quando, avvertito dalla moglie, si è tuffato in mare per salvare alcune persone in difficoltà.

“Io – racconta al Corriere della Sera – sono molto credente, sapete, ma qui non voglio scomodare la Provvidenza, diciamo allora che è stato il destino a volere che io mi trovassi proprio lì in quel punto, lunedì pomeriggio, quando a un tratto c’è stato bisogno di me”.

“Mia moglie Doriana – continua – ha sentito gridare: Aiuto, aiuto!.

Io all’inizio non ci ho badato perché giocavo con Noemi.

Ma poi ho visto al largo due donne e due bambine che annaspavano. Senza pensarci, mi sono tuffato”.

In quel tratto, spiega il sergente, lo Jonio però gioca brutti scherzi èerché il fondale è basso e i bagnanti si allontanano dalla riva camminando anche per 15 metri.

Solo che poi, all’improvviso, non si tocca più.

Il sergente comunque riesce a riportare a riva le due donne e le due bambini.

Ma, all’improvviso, ecco l’altra richiesta di aiuto.

Questa volta il sergente riesce a salvare un uomo e una donna che stavano provando a riportare a riva un altro ragazzo.

“Era troppa l’adrenalina — dice — così in silenzio mi sono messo a pregare, mentre mia moglie e mia figlia dormivano accanto a me. E ho pensato che questo in fondo è il senso della vita.

Occuparsi degli altri, fare bene alle persone”. (Fonte: Il Corriere della Sera).