Angelus del Papa, Roma in tilt: prove tecniche per il Conclave

Pubblicato il 17 Febbraio 2013 12:25 | Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio 2013 12:27

ROMA – Piazza San Pietro e Roma fanno le prove per il Conclave. La piazza si è riempita pian piano. Migliaia di fedeli sono accorsi in Vaticano per l’Angelus del Papa Benedetto XVI che, come da suo annuncio, lascerà il pontificato alle 20 del 28 febbraio.

Afflusso regolare in piazza, nelle prime ore della mattinata. Poi, con le chiusure ordinate dalla polizia di Roma capitale, il traffico è andato in tilt sul lungotevere degli Altaviti, su ponte Vittorio Emanuele e in via della Tranpontina. Grande il via vai di taxi e mezzi privati che hanno “scaricato” i pellegrini davanti alle tranesse che proteggono la Basilica.

Una lunghissima fila di fedeli e turisti, inoltre, sta cercando di entrare nella basilica vaticana. I Papa Boys suonano e cantano. Poi si è levato l’applauso di una piazza intera quando lo staff del Papa ha aperto la finestra da cui si è affacciato Ratzinger. Cori, slogan e tanta emozione tra la folla appena il Pontefice ha iniziato a pronunciare il suo discorso.

Potenziate le corse della metro A (la fermata Ottaviano è la più vicina a San Pietro), così come le linee bus 40 e 64 che da Termini arriveranno fino a lungotevere in Sassia. A disposizione dei disabili, inoltre, ci saranno 22 mezzi speciali che, a partire dalle 9, saranno in servizio a Termini, Tiburtina e Ostiense, in via delle cave ardeatine.