Anis Amri, killer di Berlino ucciso a Milano durante sparatoria con la polizia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 dicembre 2016 10:37 | Ultimo aggiornamento: 23 dicembre 2016 11:28
Anis Amri, killer di Berlino ucciso a Milano durante sparatoria con la polizia

Anis Amri, killer di Berlino ucciso a Milano durante sparatoria con la polizia

MILANO – Anis Amri, il tunisino killer di Berlino, è stato ucciso a Milano durante una sparatoria con la polizia. Prima di morire ha urlato “Allah Akbar”. Amri, l’attentatore che ha travolto con un tir la folla a Berlino durante i mercatini di Natale e ucciso 12 persone, è stato ucciso a Sesto San Giovanni, vicino la stazione.

E’ successo alle tre di notte in piazza I Maggio. Amri, arrivato in treno dalla Francia, è morto, centrato dai proiettili della polizia, dopo aver urlato “Allah Akbar” e aver sparato a due agenti che gli chiedevano di mostrar loro i documenti, documenti che Amri non aveva.

Uno dei due poliziotti è stato ferito alla spalla da Amri. Si chiama Christian Movio, ha 36 anni, ed è del Commissariato di Sesto San Giovanni. L’agente scelto è ricoverato all’ospedale di Monza con un proiettile conficcato in una spalla. Deve essere operato, ma le sue condizioni sono buone. Ad uccidere il terrorista è stato invece un agente in prova al Commissariato di Sesto San Giovanni. Si chiama Luca Scatà, ha 29 anni.

Gli spostamenti dopo la strage. Il killer di Berlino è stato poi riconosciuto in seguito alla comparazione delle impronte digitali. Viene a questo punto da chiedersi dove stesse andando Amri, in fuga, ricercato da mezza Europa. Quel che è certo finora è che sul corpo di Anis è stato trovato un biglietto del treno che può aiutare a ricostruire gli spostamenti dell’attentatore di Berlino: avrebbe preso un treno che da Chambery in Francia, passando da Torino, lo avrebbe poi portato a Milano. Alla stazione centrale sarebbe arrivato all’una di notte, dunque due ore prima che i due poliziotti lo fermassero poi a Sesto San Giovanni.

In Italia esiste un “livello elevato di controllo del territorio che consente, nell’imminenza dell’ingresso nel nostro paese di un uomo in fuga perchè ricercato, di identificarlo e neutralizzarlo. Questo vuol dire che c’è un sistema di sicurezza che funziona”, ha detto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, incontrando i giornalisti al Viminale.

Il tunisino era arrivato nel 2011 a Lampedusa poi era stato trasferito a Belpasso: in entrambi i centri di accoglienza si era fatto notare per aver appiccato dei roghi. Ed era finito così in carcere per danneggiamenti, incendio, lesioni e minacce. Da Catania ad Enna. Da Sciacca ad Agrigento. Dal Pagliarelli all’Ucciardone di Palermo. Per quattro anni di fila, i quattro anni della condanna, ogni volta confermando comportamenti sospetti. .

Il video riportato dal Corriere della Sera.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other