Anna Romano dice no all’aborto: “Papa Francesco battezzerà mio figlio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Settembre 2013 - 14:33 OLTRE 6 MESI FA
Anna Romano dice no all'aborto: "Papa Francesco battezzerà mio figlio"

Papa Francesco (Foto Lapresse)

ROMA – “Papa Francesco battezzerà mio figlio”: Anna Romano non ci può quasi credere. La sua storia è raccontata da Ester Palma sul Corriere della Sera.

Anna Romano ha 35 anni e un figlio. Viveva a Roma, ma quando il negozio in cui lavorava ha chiuso si è trasferita ad Arezzo, dove ha trovato lavoro come commessa in una gioielleria.

Lo scorso giugno aveva scoperto di essere incinta. Ma il padre del suo bambino era già sposato, e aveva un altro figlio. Così l’aveva lasciata.

Lei, a quel punto, ha scritto una lettera a papa Francesco. Si era confidata con lui come ad un padre. Gli aveva affidato anche i dubbi sull’aborto, che l’uomo che frequentava le aveva consigliato.

Martedì scorso la telefonata:

“Ho visto un numero fisso di Roma, che non conoscevo, ho risposto e sono rimasta senza parole. All’inizio ho pensato a uno scherzo, ma poi lui ha fatto riferimento alla lettera. E che gli avevo scritto lo sapevano solo la mia migliore amica e i miei genitori.

“Mi ha detto di aver letto la mia lettera, che noi cristiani non ci dobbiamo far portare via la speranza. Quando gli ho detto che volevo battezzare mio figlio, ma che avevo paura che non fosse possibile perché sono una ragazza madre, già divorziata peraltro, lui mi ha detto che se non avessi avuto un mio padre spirituale per il battesimo ci avrebbe pensato lui stesso ad impartire il Sacramento al mio piccolo.

 

“Non so se il Papa troverà davvero il tempo per battezzare mio figlio, che nascerà ai primi di aprile e che, se sarà un maschio, voglio chiamare Francesco. Ma mi ha fatto felice, mi ha dato forza. E racconto la mia storia perché vorrei che fosse di esempio a tante donne che si sentono lontane dalla Chiesa solo perché hanno trovato l’uomo sbagliato sono divorziate o perché hanno trovato uomini che non sono degni nemmeno di essere padri”.

Dalla Sala stampa Vaticana padre Federico Lombardi non nega né conferma: “Le telefonate del Papa? Non ne sappiamo niente, sono cose private che decide solo lui. Mica ci avvisa se vuole chiamare qualcuno, a noi su questo non dice mai niente”.