Antonietta Gigante uccisa in rapina in casa: presi complici

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Novembre 2015 12:40 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2015 12:40
Antonietta Gigante uccisa in rapina in casa: presi complici

Antonietta Gigante uccisa in rapina in casa: presi complici

NAPOLI – Antonietta Gigante fu massacrata e uccisa nella sua casa a Licola Mare, in provincia di Napoli, durante una rapina nel novembre del 2011. A quattro anni dalla sua morte gli agenti dei carabinieri di Casal di Principe hanno notificato un’ordinanza di arresto per i due presunti complici delle due persone arrestate per l’omicidio della donna. I quattro, secondo le accuse, farebbero parte di una associazione per delinquere specializzata in furti e rapine composta da circa 10 persone.

Il Mattino di Napoli scrive che all’alba di mercoledì 11 novembre gli agenti hanno dato il via ad un blitz che ha colpito una banda di circa 10 persone, tra cui i presunti complici dei due arrestati per l’omicidio di Antonietta, che aveva 76 anni quando fu massacrata nella sua casa:

“L’ordinanza riguarda circa una decina di persone; ai due presunti complici della rapina di Pozzuoli, già detenuti, viene notificata in carcere. I presunti responsabili della morte della donna furono identificati e arrestati dai Carabinieri di Casal di Principe e Pozzuoli nel gennaio 2013.

L’ordinanza in corso di esecuzione stamani è stata emessa al termine di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli e partita proprio dalle indagini su due rapine in abitazioni, fra le quali quella nella quale morì Antonietta Gigante, 76 anni, aggredita dai rapinatori mentre si trovava in casa a Pozzuoli insieme a un’altra donna”.