Antonino Lollo, la Polizia “perdona” l’agente che aveva donato il suo stipendio a tre ospedali

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 17 Maggio 2020 14:37 | Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2020 14:37
antonino lollo

Antonino Lollo (nella foto), la Polizia “perdona” l’agente che aveva donato il suo stipendio a tre ospedali

ROMA – La Polizia di Stato ha annullato il procedimento disciplinare contro un suo agente, “colpevole” di aver donato il proprio stipendio ad alcuni ospedali nel bel mezzo dell’epidemia da coronavirus.

Lui si chiama Antonino Lollo ed è un atleta originario di Messina che si è trasferito in provincia di Bergamo per motivi sportivi.

Lollo da un paio d’anni è entrato a fnar pare della polizia ed è in servizio a Vercelli.

Costretto in casa proprio durante il periodo peggiore del contagio da Covid-19 per il sospetto che avesse contratto il virus, l’agente aveva donato il proprio stipendio a tre diverse strutture sanitarie.

Per colpa di un malinteso, però, si era visto “punito” con un procedimento disciplinare.

Ora, dopo aver effettuato tutti gli accertamenti del caso, il provvedimento è stato annullato d’iniziativa proprio da chi lo aveva promosso.

Sul sito della Federazione sindacale Fsp Polizia di Stato si legge: “Non possiamo far a meno di compiacerci con chi ha dimostrato come la vera autorevolezza dirigenziale non sta nel cercare di imporre la forza senza diritto, ma nell’essere giusti, equi e capaci di cambiare idea” (fonte: La Stampa).