Incidente sulla A14, poliziotto va in aiuto di un’auto e viene travolto e ucciso

Pubblicato il 12 agosto 2012 16:42 | Ultimo aggiornamento: 12 agosto 2012 17:08
Annamaria Cancellieri

Annamaria Cancellieri (Foto Lapresse)

FANO (PESARO URBINO) – Un ispettore della Polizia stradale di Milano, Antonio Crisafulli, è morto in un incidente stradale lungo la corsia nord dell’A14, a Fano.

Crisafulli viaggiava verso sud, diretto in vacanza. Ha visto un’auto ribaltata lungo la carreggiata nord, si è fermato e ha scavalcato il new jersey centrale per prestare i primi soccorsi.

Proprio in quel momento è arrivata un’altra auto che lo ha travolto e ucciso sul colpo. Nell’incidente, avvenuto al km 176, sono rimaste ferite altre due persone.

La salma di Crisafulli è stata portata nell’obitorio dell’Ospedale di Fano.

L’ispettore Antonio Crisafulli, 50 anni, era nato a Messina. Prestava servizio al commissariato di Sesto San Giovanni. In auto con lui, verso la vacanza c’erano la moglie e i due figli, che hanno assistito al tragico incidente in cui l’uomo ha perso la vita mentre cercava di prestare i primi soccorsi ad un’auto che si era ribaltata nella carreggiata opposta al suo senso di marcia.

Il ministro dell’Interno, Annamaria Cancellieri, ha espresso il proprio cordoglio per la morte di Crisafulli. Il ministro ha inviato un telegramma al Capo della Polizia, Antonio Manganelli, nel quale ha espresso vicinanza ai familiari di Crisafulli.

Anche Manganelli aveva precedentemente espresso la propria vicinanza alla famiglia di Crisafulli: “Episodi come quelli di oggi spiegano perché le Forze dell’Ordine sono al vertice, dopo il Presidente della Repubblica, nella fiducia dei cittadini italiani. Valori morali e umani rimangono consolidati e vanto della Polizia di Stato”