Cronaca Italia

Antonio Mariella, poliziotto arrestato: si dava malato ma giocava a tennis

Antonio-Mariella-poliziotto-furbetto

Antonio Mariella, poliziotto arrestato: si dava malato ma giocava a tennis

RIMINI – Diceva di soffrire di mal di schiena, ma prendeva parte a lunghi tornei di tennis. Chiedeva di evitare i servizi con la pistola, perché troppo pesante, ma invece si prestava a suonare il basso ai concerti. L’assistente capo della polizia di Stato, in servizio alla Polaria dell’aeroporto di Rimini, Antonino Mariella, 43 anni originario di Pesaro e residente in Valconca, è stato arrestato mercoledì mattina dalla stessa polizia di frontiera (Polaria) dell’aeroporto Fellini.

I colleghi hanno eseguito la misura cautelare su ordine del gip del Tribunale di Rimini, Sonia Pasini, nell’ambito di un’indagine coordinata dal sostituto procuratore Davide Ercolani, sull’assenteismo dal posto di lavoro. Nei confronti del poliziotto sono scattati gli arresti domiciliari.

Al vaglio degli investigatori della Polaria, le richieste di assenza dal servizio per malattia dell’indagato che ha presentato per un anno e precisamente dal 2 gennaio al 10 dicembre del 2015. Secondo le accuse il poliziotto avrebbe simulato e aggravato patologie di origine professionale in maniera non solo da indurre in errore i medici che emettevano i certificati, ma anche per evitare servizi e avere giorni di malattia.

Stando a quello che sarebbe emerso dalle indagini, l’obiettivo del poliziotto era quello di ottenere un’indennità dal Ministero dell’Interno, per la patologia di servizio: una lombosciatalgia cronica con artrosi al disco lombosacrale. Una malattia dolorosa che – come documentato dagli investigatori della Polaria – non avrebbe però impedito, in più occasioni, all’indagato di prendere parte ad altre attività, come tornei di tennis e concerti.

L’agente, che secondo la legge Brunetta ora rischia il licenziamento in tronco, è ai domiciliari ed è indagato per truffa ai danni dello Stato, false dichiarazioni in ambito lavorativo compresi i certificati medici.

E’ difeso dall’avvocato Massimiliano Orrù. Già nel settembre del 2016, la polizia di frontiera di Rimini aveva indagato un agente, 53 enne originario di Bari, assistente capo alla Polaria, finito ai domiciliari perché si fingeva malato per andare prima del tempo in pensione.

To Top