Anzio, non sono soddisfatti dei lavori e sequestrano l’imbianchino con la pistola a salve: arrestati

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 giugno 2018 16:16 | Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2018 16:16
Anzio, non sono soddisfatti dei lavori e sequestrano l'imbianchino con la pistola a salve: arrestati

Anzio, non sono soddisfatti dei lavori e sequestrano l’imbianchino con la pistola a salve: arrestati

ROMA – I lavori di tinteggiatura delle pareti non li hanno soddisfatti e così hanno sequestrato l’imbianchino. Accade ad Anzio, dove una coppia di italiani è finita in manette per sequestro di persona ed esorsione. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] I due, un 43enne di Aprilia e un 36enne di Arde, sono stati arrestati nel loro appartamento, nella frazione di Lavinio, dove nei giorni scorsi il povero imbianchino aveva svolto dei lavori.

Lavori che a detta dei due proprietari non erano stati svolti a regola d’arte. Ne è nata così una accesa discussione dai tre, durante la quale la coppia ha tirato fuori una pistola scacciacani, di quelle a salve, con la quale hanno tenuto l’operaio in ostaggio. Nel frattempo il fratello dell’imbianchino si era impegnato a recarsi al bancomat per procurarsi un “congruo risarcimento”.

Ma l’uomo ha avuto l’audacia di reagire e chiamare i carabinieri che, intervenuti sul posto,, hanno finalmente liberato l’imbianchino e arrestato i due proprietari. I militari hanno inoltre sequestrato la pistola e pure uno sfollagente, anche quello utilizzato per tenere sotto minaccia l’operaio. Sono ora rinchiusi nel carcere di Velletri in attesa di comparire dinanzi al giudice.