Aosta, maxi evasione fiscale su 50 immobili. 76 indagati

Pubblicato il 15 Marzo 2013 22:38 | Ultimo aggiornamento: 15 Marzo 2013 22:47

Guardia di Finanza (foto LaPresse)

AOSTA – Ci sono 76  indagati nell’ambito di un’inchiesta su una presunta evasione fiscale da circa 2 milioni di euro relativa alla compravendita di una cinquantina di immobili, tra appartamenti vacanza e garage, avvenuta anche in Valle d’Aosta.

Dalle indagini della guardia di finanza, coordinate dalla procura di Aosta, è emerso che una società immobiliare con sedi tra Aosta e il Canavese (Torino) avrebbe concordato, secondo le accuse, con diversi acquirenti vendite a prezzi di mercato per poi stipulare, davanti al notaio, atti con valori nettamente inferiori – mediamente tra i 40 e gli 80 mila euro in meno – in modo da evadere il fisco. Il valore complessivo dei beni si aggira intorno ai 9,5 milioni di euro, contro i 7,5 milioni dichiarati.

Gli immobili valdostani sono situati in particolare in un complesso a Issime (Aosta). Sono indagati il titolare della società, un valdostano, e gli acquirenti che hanno dichiarato il falso all’atto della compravendita, molti provenienti da altre regioni.