Appalti per l’eolico, l’Anm: “No a magistrati contigui al potente di turno”

Pubblicato il 11 luglio 2010 19:24 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2010 19:39

Luca Palamara

”Il tema della questione morale non ammette indugi e tentennamenti. Non vogliamo magistrati contigui al potente di turno e vicini ai comitati d’affari. Vogliamo, invece, magistrati indipendenti e integri la cui attività si affermi nelle aule di giustizia e non nei salotti”.

Lo dichiarano il presidente dell’Anm Luca Palamara e il segretario generale Giuseppe Cascini, commentando gli ultimi sviluppi dell’inchiesta della procura di Roma per associazione per delinquere. ”Il clima di inquinamento e di condizionamento che emerge dagli atti – proseguono – e’ allarmante. Chiediamo alle istituzioni competenti di intervenire con prontezza e rigore”.