Appello dei lettori ai leader del G8 su La Repubblica: “Illiberale chiedere di non dare pubblicità ai media. Fatelo sapere”

Pubblicato il 8 Luglio 2009 13:06 | Ultimo aggiornamento: 8 Luglio 2009 13:06

Privati cittadini hanno deciso di autotassarsi e comprare una pagina de La Repubblica per dimostrare il proprio dissenso nei confronti di Berlusconi e dei suoi appelli a non finanziare i «giornali eversivi».

«Fatelo sapere, non lasciateci soli». L’appello, rivolto ai leader giunti a L’Aquila per il G8, è sottoscritto da un gruppo di «liberi cittadini di diversi orientamenti politici». Questi cittadini, riunitisi attraverso Facebook, si sono autotassati per comprare una pagina de La Repubblica, e pubblicare una lettera in cui criticano l’invito, espresso da Silvio Berlusconi ai giovani industriali liguri, a «non dare pubblicità ai media disfattisti».

Questi lettori ritengono «inaccettabile questa forma di pressione», frutto di un «comportamento che richiama forme di governo tipicamente non democratiche». I firmatari dell’appello si rivolgono quindi a «coloro che credono che questa ingerenza sia indegna, illiberale e antidemocratica», e metta in forte discussione «la libertà di stampa».

La lettera si apre con le parole dell’articolo 21, quello che riguarda appunto la libertà d’espressione, e con il passaggio “incriminato” del discorso pronunciato da Berlusconi a Santa Margherita Ligure il 13 giugno.