Appiano (Bolzano): bomba carta sul centro migranti. Svastiche e frasi d’odio contro i richiedenti asilo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 maggio 2018 9:39 | Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2018 9:39
Appiano (Bolzano): bomba carta sul centro migranti. Svastiche e frasi d'odio contro i richiedenti asilo

Appiano (Bolzano): bomba carta sul centro migranti. Svastiche e frasi d’odio contro i richiedenti asilo

ROMA – Esplosione nella notte a Appiano, in provincia di Bolzano, in un centro di accoglienza migranti. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Sul posto simboli nazisti e scritte razziste contro i richiedenti asilo. “Nella notte tra sabato 19 e domenica 20 maggio è stata fatta esplodere una bomba carta al cancello di ingresso e lasciata una tavola di legno con inscritti il simbolo della svastica nazista, della croce celtica e parole di odio rivolte contro i richiedenti asilo”, afferma una nota di Antenne Migranti.

Il centro di accoglienza per richiedenti asilo, un’ex caserma all’ingresso del paese, gestito dall’organizzazione Volontarius, ospita 39 persone, delle quali 28 lavorano e gli altri fanno corsi di formazione. Appiano dista pochi chilometri da Bolzano, è circondato da vigneti e meleti e frequentato da turisti e escursionisti. Ha 15mila abitanti, compresi un migliaio di residenti stranieri, soprattutto dell’Est Europa, l’80 per cento della popolazione è di lingua tedesca. (Valentina Avon, La Repubblica)

“Questo episodio – prosegue la nota – riflette il clima di tensione e conflitto sociale sempre più diffuso nel paese, favorito dalle posizioni politiche apertamente razziste e generatrici di allarmismo, che diffondono di conseguenza informazioni false e tendenziose dando vita a narrazioni che si fondano sui concetti di prepotenza e violenza. Un fatto che ha sconvolto gli ospiti ma anche gli operatori; un caso che richiede una riflessione su come garantire maggiore sicurezza ai richiedenti asilo accolti e all’equipe di lavoro, specialmente nei turni serali. Una vicenda di matrice xenofoba che ci deve fare interrogare profondamente su dove stiamo andando, su quale società stiamo costruendo ed in quale vogliamo vivere. Invitiamo tutte le istituzioni ad una presa di posizione che condanni fermamente l’accaduto, e la politica ad interrogarsi su come agire e reagire di fronte a questi atti. Pensiamo inoltre, sia importante che gli stessi abitanti di Appiano partecipino alla discussione dell’accaduto e prendano posizione contro questo atto violento e vigliacco”.

“Chiediamo pertanto all’Amministrazione Comunale di Appiano di indire un’assemblea pubblica che coinvolga cittadini, ospiti del centro ed operatori per discutere, riflettere e condannare la violenza avvenuta, e contrastare la crescita di questi atti xenofobi con modalità di cittadinanza attiva, partecipata e solidale”, chiude la nota di Antenne Migranti – Monitoraggio lungo la rotta del Brennero.